Seguici su

Philadelphia 76ers

NBA, l’ex GM dei 76ers: “Nascondevamo la maglia di Iverson per non farlo giocare”

L’ex GM King ha parlato di come i Sixers dovevano fare per evitare a AI di scendere in campo da infortunato

Allen Iverson, Philadelphia 76ers

Ospite dell’Audacy NBA Show, l’ex general manager dei Philadelphia 76ers Billy King ha raccontato un aneddoto molto particolare su Allen Iverson. King, alla guida del front office dei Sixers dal 1998 al 2007, ha spiegato a quali metodi dovevano ricorrere i Sixers per impedire che AI scendesse in campo quando era infortunato:

“[Iverson] non si prendeva mai un giorno libero. Sai, forse qualche volta saltava gli allenamenti, ma non succedeva mai con le partite. Non voleva mai saltarne una. Quando era infortunato e noi sapevamo di non poterlo far scendere in campo, dovevamo nascondere la sua divisa. Poiché sapevamo che sarebbe andato nello spogliatoio per vestirsi, non potevamo lasciarglielo fare”

King ha poi continuato raccontando un altro aneddoto su AI di quando, trovandosi a New York per giocare contro i Knicks, avrebbe voluto mandare un ragazzo a compragli un paio di sneakers per giocare:

“Una volta, a New York, riuscì a trovare la sua maglia, ma non aveva le scarpe per scendere in campo. Provò anche a mandare il ragazzo che faceva il raccattapalle dal Foot Locker dietro l’angolo per comprarle. Disse di volere un paio di Reebok, secondo lui gli sarebbero bastate per giocare. Voleva giocare così fortemente che arrivò a chiederle a un tifoso sugli spalti”

Prima scelta assoluta al Draft del 1996 – lo stesso di Kobe, Steve Nash e Ray Allen, solo per citare altri tre grandi nomi -, Allen Iverson ci mise poso a conquistare un posto nel cuore degli appassionati di pallacanestro. Vedere un giocatore di un metro e 83 segnare con quella facilità sugli avversari era un emozione quantomeno indescrivibile, e il premio di MVP, le undici chiamate all’All-Star Game e le tre convocazioni nel primo quintetto All-NBA sono solo alcuni dei riconoscimenti vinti da AI nel corso della sua carriera nella lega.

 

Leggi anche:

NBA, Steve Nash: “Kyrie Irving ha più soluzioni di Allen Iverson”

Derrick Rose: “Allen Iverson mi ha dato la libertà di essere spericolato”

NBA, morto John Thompson, ex allenatore di Allen Iverson

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Philadelphia 76ers