Seguici su

News NBA

NBA, Adam Silver apre il dialogo sul vaccino: “Arriverà il momento anche per i giocatori”

Il vaccino sembra destinato ad arrivare anche in NBA, anche se le tempistiche sono ancora da stabilire

Draft

Nella giornata di oggi, il commissioner NBA Adam Silver ha dichiarato che la lega sta discutendo sull’ipotesi di vaccinare i proprio giocatori. Lo scopo sarebbe non solo quello di ridurre al minimo il rischio di contagio tra gli atleti, ma anche quello di sensibilizzare parte del pubblico che, almeno per il momento, sembra diffidente. Di fatto, Silver ha dichiarato questo in una conferenza virtuale ospitata da Sportico:

“Se ne è parlato molto. È qualcosa su cui siamo particolarmente concentrati. Specialmente nella comunità afroamericana il virus ha avuto un impatto enorme. Purtroppo si è riscontrata un’enorme resistenza sulla questione delle vaccinazioni nella loro comunità. Se questa situazione  non viene controllata, sarebbe davvero un altro duro colpo, perché l’unica via d’uscita da questa pandemia è farsi vaccinare. Diversi funzionari della sanità pubblica hanno suggerito di far vaccinare alcuni afroamericani ben noti per dimostrare alla comunità più ampia che è sicuro ed efficace.”

A tal proposito, nel panorama NBA Kareem Abdul-Jabbar è uno dei pochi a cui è stato recentemente somministrato il vaccino. Inoltre, l’ex stella dei Los Angeles Lakers ha personalmente invitato il grande pubblico a vaccinarsi e diffondere l’iniziativa, nell’interesse e la salute di tutti.

Al momento sono diverse le squadre particolarmente limitate per la diffusione del virus all’interno dello spogliatoio. Di fatto, se la franchigia non ha almeno 8 giocatori su cui fare affidamento per il match, la lega è costretta a posticipare l’incontro.

La questione resta comunque aperta. Sarà necessario ancora del tempo per stabilire se l’iniziativa potrà essere portata avanti e secondo quali modalità. Adam Silver ci tiene comunque a sottolineare che qualunque misura presa sarà condotta nel pieno rispetto delle regole:

“Tutto ciò che faremo sarà completamente trasparente e in collaborazione con le autorità sanitarie pubbliche, quindi non ha alcun senso che ci sia qualche favoritismo. Sarà una cosa che faremo solo se i funzionari della sanità pubblica stabiliscono che è arrivato il momento giusto per vaccinare i nostri giocatori.”

Leggi anche:

NBA, Kyrie Irving è tornato: “Avevo bisogno di una pausa”

NBA, Victor Oladipo: “Arriveranno giorni migliori per i Rockets”

Le Scarpe da Basket Jordan migliori di sempre

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA