Seguici su

Playoff NBA

Playoff NBA: miracolo Nuggets in Gara-7, Adebayo stoppa Tatum e i Celtics

Rimonta completata, e non è la prima volta, per i Nuggets, che festeggiano nel migliore dei modi il compleanno di coach Malone. La giocata difensiva dell’unicorno di Miami è già uno dei gesti più iconici di questi Playoff, che vedono gli Heat portarsi a casa Gara-1 delle Finali della Eastern Conference.

playoff

Miami Heat 117 – 114 Boston Celtics [Miami in vantaggio 1-0 nella serie]

Ci è voluto un overtime per decidere questa emozionantissima Gara-1 delle Eastern Conference Finals tra Heat e Celtics, il che lascia decisamente ben sperare per il resto della serie. Come spesso accade in questi casi, la squadra che ha avuto la meglio è anche quella ad aver iniziato il match nel peggiore dei modi. Pronti, via e infatti Miami si ritrova subito sotto sotto di 13 nel primo quarto, senza senza dare l’impressione di sapere come arginare la verve di Jayson Tatum – che chiuderà con 30 punti, 14 rimbalzi e 5 assist. La squadra di coach Spoelstra riesce a rosicchiare qualche punticino di scarto grazie a un attacco in grado di realizzare 37 punti nel secondo quarto, nel quale però Miami ne incassa 29: all’intervallo è perfetta parità, 55 pari. Terzo quarto di marca biancoverde, con gli Heat alle prese con qualche scelta sbagliata di troppo in attacco, ma ancora una volta Miami riesce a rifarsi sotto prima che sia troppo tardi, riuscendo a passare addirittura in vantaggio sul 106-105 a 22 secondi dalla fine. Vantaggio che però dura molto poco, anzi, praticamente nulla, dato che Derrick Jones Jr. si fa fischiare un discutibile fallo a gioco fermo mandando in lunetta Tatum, che realizza il libero della parità ma fallisce la tripla della vittoria – altrettanto contestata per una presunta infrazione di passi non ravvisata dagli arbitri.

Overtime dunque, con un grande equilibrio spezzato a 23 secondi dalla fine da Kemba Walker con il canestro che vale il +1 Celtics, immediatamente cancellato dal gioco da tre punti concesso da Tatum ai danni di Butler, che dalla lunetta converte il libero supplementare e fissa il punteggio sul 116-114. Ultimo possesso Celtics affidato a Tatum, che tira dritto verso il canestro ma trova uno strepitoso Bam Adebayo, autore di 18 punti, 9 assist e 6 rimbalzi, che gli sbarra la strada con una stoppata da antologia, per distacco la giocata più importante della sua giovane carriera. Lo stesso Bam avrà poi il tempo per realizzare il libero del definitivo 117-114. 1-0 Miami dunque, ma per fortuna di Boston, ancora priva di Gordon Hayward, di tempo per rifarsi ce n’è eccome.

29 punti e 7 rimbalzi per uno scatenato Goran Dragic, 20 punti, 5 assist e altrettanti rimbalzi per Jimmy Butler e quasi tripla doppia per Tyler Herro, che chiude con 12 punti, 11 rimbalzi e 9 assist. Dall’altra parte, oltre al già citato Tatum, segnaliamo invece i 26 punti messi a referto da un ispirato Marcus Smart.

Denver Nuggets – Los Angeles Clippers [Denver si aggiudica la serie per 4-3]

Compleanno da ricordare per coach Mike Malone, i cui ragazzi non badano a spese e gli regalano il pass per le Finali di Conference – prima volta dal 2009 – dopo un’altra, pazzesca, storica rimonta.

Anche in questo caso, i futuri finalisti ci hanno messo un po’ a carburare, finendo sotto anche di dodici punti nel corso del primo tempo e brancolando sul 61-54 per i Clippers a dieci minuti dal termine del terzo quarto. A quel punto dev’essere scattato qualcosa nella mente di Jokic e soci, che nel giro di qualche possesso si sono ritrovati a condurre in doppia cifra di vantaggio, riuscendo poi ad amministrare la gara resistendo agli assalti, neanche troppo convinti, dei Clippers. Troppi gli errori al tiro della squadra di coach Rivers – alle prese con il terzo “ribaltone” in carriera, dopo le rimonte subite da Pistons e Rockets nel 2003 e nel 2015, quando era alla guida rispettivamente di Magic e Clippers -: alla fine saranno solo 14 i punti messi a referti da Leonard, reduce da un 6-22 dal campo, e neppure Paul George va poi così lontano con i suoi 10 punti frutto di un misero 4-16 al tiro.

Prestazione mostruosa con tripla doppia annessa per Nikola Jokic, che mette a segno 16 punti, 13 assist e 22 rimbalzi, che fanno di lui il giocatore dei Nuggets a catturare più rimbalzi in una gara di Playoff – primato soffiato a Marcus Camby e… sé stesso -, mentre Jamal Murray deve “accontentarsi” dei suoi 40 punti, 5 rimbalzi e 4 assist. Con il secondo successo consecutivo in Gara-7, i Nuggets diventano l’unica squadra nella storia NBA a completare una rimonta partendo da un poco incoraggiante 3-1. Ora ad attenderli ci sono i Lakers di LeBron ed Anthony Davis: ci sarà da soffrire, ma a Denver ormai ci sono abituati.

Commento

Commento

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertisement
    Advertisement
    Advertisement

    Altri in Playoff NBA