Seguici su

Golden State Warriors

I Golden State Warriors dovrebbero cambiare nome?

La proposta viene direttamente da Carmelo Anthony

golden state warriors

Anche i Golden State Warriors potrebbero essere coinvolti nel processo di emancipazione delle minoranze etniche negli USA. Black Lives Matter infatti, iniziata prima come protesta per la tutela dei diritti degli afroamericani, negli ultimi giorni ha esteso il suo consenso, diventando la voce di tutte le minoranze etniche del Paese. Una di queste è quella dei nativi americani, tra le comunità più emarginate negli USA.

I simboli dei nativi -nonostante la progressiva cancellazione della loro cultura- sono diventati di uso quotidiano nella società statunitense, venendo utilizzati, anche con toni denigratori. Uno degli ambienti che ha maggiormente attinto dall’immaginario degli indiani d’America è stato il mondo dello sport. Simboli e riferimenti ai nativi americani sono diventati mascotte o nomi per squadre universitarie o franchigie dei campionati maggiori.

E così negli ultimi giorni, nel grande calderone di BLM,  l’attenzione delle proteste si è spostata, in parte, anche sulle squadre sportive che ne fanno uso.

I primi ad essere finiti nell’occhio del ciclone sono stati i Washington Redskins, franchigia della NFL che esibisce un pellerossa come nome e simbolo. Dopo di loro vi sono stati poi i Cleveland Indians, squadra della MLB che ha come mascotte una rappresentazione cartonata di quello che dovrebbe essere un capo indiano, Chief Wahoo.

Ora però anche i Golden State Warrios potrebbero dover pensare ad un nuovo nome. L’istanza è arrivata direttamente da dentro il mondo NBA. A dichiararlo infatti è stato Carmelo Anthony, che in un tweet ha citato le 6 squadre sportive che secondo lui non rispettano i nativi americani:

“Non saremo uguali finché ogni comunità non sarà uguale. In supporto della nostra comunità di Nativi Americani, l’uso di nomi indiani deve finire.”

Un messaggio, quello di Anthony, che si fonda su un principio assolutamente valido: l’idea cioè che ci si sia appropriati di nomi e simboli di una comunità, quella dei nativi, a cui non è mai stato chiesto il permesso. E che – quella comunità – non abbia mai ricevuto nemmeno una sorta di “indennizzo” o “royalty” per l’uso di quei simboli e nomi.

E tra queste vi sono, appunto, i Golden State Warriors.

La franchigia attualmente di base in California infatti è nata nel 1946 in Pennsylvania, a Philadelphia. E il simbolo usato in quei primi anni era la versione stilizzata e cartonata di un indiano che palleggiava con un pallone da basket.

Nel 1962 la franchigia si trasferì ad ovest, nella baia di San Francisco e con questo arrivò anche il cambio dello stemma. Un restyling che portò ad eliminare l’indiano che giocava ma che mantenne i riferimenti ai nativi americani. Per sei anni la squadra esibì sulle canotte la raffigurazione di un copricapo piumato e una freccia al posto della lettera I.  Il definitivo abbandono di riferimento agli indiani avvenne nel 1968: da quel momento la franchigia iniziò ad usare il proprio simbolo per celebrare la California e il ponte di San Francisco.

Oggi degli Warriors di un tempo e delle origini di quel nome non è rimasto più nulla nella franchigia guidata da Curry e Thompson. Soprattutto se si pensa che dalla sua fondazione la squadra ha cambiato anche costa, stato, città. E questo potrebbe esimerli dalle controversie che stanno vivendo Indians o Redskins. Dall’altra parte però nessuno in passato ha mai chiesto un permesso per l’utilizzo ventennale di riferimenti indiani e oggi un “risarcimento” morale potrebbe ancora avere un significato.

Se però questi moti di proteste ci stanno insegnando qualcosa è che la risposta alla domanda del titolo non possiamo darla noi. E nemmeno Carmelo Anthony. Ma bisognerebbe chiedere ai diretti interessati.

 

Leggi anche:

Le prime impressioni dei giocatori sulla bolla NBA

NBA, Michael Beasley dovrà saltare le prime 5 gare con Brooklyn

3 Commenti

3 Comments

  1. Luchinho

    10/07/2020 10:42

    Si ma non ha molto senso, capisco Redskins, Indians, Blackhawks e tutti quelli che hanno un riferimento nel nome e nei simboli, ma ad esempio Chiefs e Braves basterebbe rimuovessero solo il simbolo, le parole possono essere attuali, non sono strettamente legate ai nativi, uguale per GSW di cui è rimasta solo la parola Warriors che però non ha alcun riferimento ai nativi al giorno d’oggi, ora si chiama Golden State Warriors, se usassero ancora l’indiano nel logo sarei d’accordo ma così non è, San Francisco viene chiamata Golden City per il riferimento alla corsa all’oro avvenuta in California, da li Golden State. Posso capire i riferimenti diretti, ma non “alla lontana”, perché altrimenti dovrebbe includere anche la sua attuale squadra, i Portland Trail Blazers prendono il nome dalla spedizione di Lewis e Clark che fu la prima a raggiungere la costa occidentale via terra, l’obbiettivo della spedizione era per “scopi meramente scentifici e naturalistici”, in realtà dovevano studiare le tribù indiane e verificarne l’intralcio con insediamenti di cacciatori e commercianti di pelli, neanche a dirlo ebbero degli scontri con i nativi e ovviamente dei nativi morirono.

  2. karoo

    10/07/2020 12:55

    poveracci. non capiscono che questi simboli e nomi, per quanto possa qualcuno ritenerli steriotipati (ma è un simbolo, un logo, ovvio che sia steriotipato!) mantengono per lo meno attuale il richiamo ai nativi americani. Gli vogliono togliere? bene, così gli indiani (ops, che nome razzista!) svaniranno anche dalla cultura popolare. Li si riconoscerà solo nei film western. Per rispettare un popolo lo cancelliamo dalla modernità. Ovviamente nessuno si sogna di cancellare la festa del rignraziamento, non sia mai! Gli americani sono il popolo più buffone mai visto.

  3. Samuele

    10/07/2020 22:22

    Cambiano il nome ed il problema dei nativi americani è risolto, applausi a melo e a tutti i premi nobel che hanno così tanto tempo da perdere

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors