Seguici su

Non Solo Nba

NBA, Gregg Popovich quasi in lacrime: “Dobbiamo sconfiggere il razzismo”

Il discorso di coach Pop per sostenere la lotta contro il razzismo

gregg popovich

Nella giornata di oggi i San Antonio Spurs hanno pubblicato sui loro canali social un videomessaggio di Gregg Popovich relativamente alla delicata questione del razzismo che sta colpendo – in maniera anche violenta – gli Stati Uniti d’America. Il coach dei texani, visibilmente emozionato, si è appellato al lato umano delle persone per chiedere, a gran voce, di cessare ogni vessazione nei confronti delle persone di colore. Questo il suo discorso, tradotto da Sky Sport:

 “Nella maniera più strana e controintuitiva possibile, l’insegnamento più grande che la recente tragedia ci ha dato è lo sguardo sul volto di quel poliziotto. Le persone bianche hanno potuto vedere quanto fosse disinvolto, a suo agio, come se fosse una cosa che fa tutti i giorni, tanto da potersi mettere la mano in tasca mentre teneva il ginocchio sul collo di un’altra persona, come se dovesse dargli chissà quale lezione. Come se nella sua testa fosse il suo diritto e il suo dovere farlo. Non so… Penso di vergognarmi, da bianco, di sapere che una del genere possa succedere. Tutti noi abbiamo studiato nei libri di storia e visto le immagini delle persone di colore appese sugli alberi, sentendoci in imbarazzo. Ma lo abbiamo visto di nuovo, in diretta. E non avrei mai pensato di vederlo con i miei occhi in vita mia. È importante che noi bianchi facciamo qualcosa, perché ora è compito nostro. Le persone di colore hanno portato sulle spalle questo fardello per 400 anni, e l’unico motivo per cui questo paese ha fatto dei passi in avanti è grazie alla loro perseveranza e impegno. La storia della nostra nazione sin dal principio è una bugia. E ancora oggi ricade sulle spalle delle persone di colore fare in modo che quella bugia diventi una verità, facendo in modo che quei diritti e quei privilegi siano goduti da tutti. Deve essere compito nostro dire le cose come stanno indipendentemente dalle conseguenze, dobbiamo parlarne e non lasciar passare nulla. La situazione è del tutto simile a quella sulla legislazione delle armi: che cos’altro deve succedere per far cambiare le cose? Devono morire altre due persone con un ginocchio sul collo? Quante altre Sandy Hook ci devono essere prima di agire? È facile per le persone farsi scivolare addosso le cose quando non le coinvolgono, ma dobbiamo muoverci prima che sia troppo tardi. Il nostro paese è nei guai e il motivo fondamentale è la discriminazione razziale”.

 

Leggi Anche:

NBA, Il rumore della folla potrebbe essere riprodotto con NBA 2K

NBA, Jordan Brand donerà 100 milioni di dollari per la lotta al razzismo

NBA, LeBron James contro Laura Ingraham: “Non ne possiamo più di questo trattamento”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Non Solo Nba