Seguici su

Risultati NBA

Risultati NBA, Toronto blinda i Playoff nella notte di Curry; Nuggets in volata a Charlotte; serata da incubo per Houston

Quattro partite nella notte del ritorno di Curry. Tra i risultati NBA, la vittoria in volata dei Nuggets targata Jamal Murray e la serata no di Houston. Philadelphia torna a vincere in trasferta

Stephen Curry scored 23 points in 27 minutes in his return to the lineup, but it was not enough to vault the Warriors over Pascal Siakam and the Raptors on Thursday night. (Jeff Chiu) | via washingtonpost.com on Google

(42-20) Denver Nuggets 114-112 Charlotte Hornets (21-41)

I Denver Nuggets rialzano la testa dopo il brutto scivolone contro Golden State e tornano a vincere a Charlotte a quasi quattro anni di distanza dall’ultima volta – 19 marzo 2016. Nel secondo periodo Denver prova a rompere l’equilibrio della prima frazione con un parziale 29-17 e va al riposo sul +9 (60-51). Charlotte non si fa prendere dalla frenesia e resta in partita con un break analogo nel terzo quarto (31-20) e si affaccia agli ultimi 12′ con due lunghezze di margine sugli avversari. Un canestro da tre punti di Rozier porta gli Hornets al massimo vantaggio sul +8 a poco più di 8′ dal termine, ma Denver resta in scia e arriva addirittura a mettere la testa avanti sul 101-100 dopo il 2-2 dalla lunetta di Nikola Jokic. A 57.4″ dalla sirena la partita è ancora in parità a quota 110. Jamal Murray, uomo di parola, riscatta la cattiva performance contro gli Warriors chiudendo da miglior marcatore dei suoi (18 punti) con il canestro in fade-away che decide la contesa. Per Charlotte – nonostante i 24 punti di un rientrante Graham, i  20 di PJ Washington e i 19 di Rozier – è la terza sconfitta casalinga in fila. Denver, otto vittorie nelle ultime dodici uscite, rimane a una partita dai Clippers #2 a Ovest.

https://twitter.com/nuggets/status/1235754838190968832?s=20

 

 

 

(38-25) Philadelphia 76ers 125-108 Sacramento Kings (27-35)

Sadistically, we love it“. Le dichiarazioni di Brett Brown dopo le sconfitte contro Clippers e Lakers lasciavano poco spazio a interpretazioni per i i 76ers. Philadelphia risponde presente alle sollecitazioni del coach e interrompe la striscia di nove sconfitte consecutive in trasferta con un successo wire-to-wire [mai in svantaggio nel corso della gara]. In controllo già nel primo quarto, (+10 sul 23-13), Phila si fa riprendere in breve: due canestri a testa per Bjelica e Bazemore, intervallati da un bersaglio centrato da Buddy Hield, ed è contro-parziale di 10-0 Kings (30-30). Forti del vantaggio di appena due lunghezze dopo 12′ di gioco, i Sixers piazzano la seconda spallata già nel 2° quarto e la partita si indirizza in maniera netta. Il margine in doppia cifra alla pausa lunga si allarga sino al +18 nel terzo periodo (77-59) e Philadelphia cerca, non senza patemi di gestire fino alla fine del match. A 8′ dalla sirena finale, però, i Sixers alzano per un istante le mani dal manubrio e i Kings ne approfittano per rientrare fino al -6 con canestri in serie dalla lunga distanza di Hield e Barnes [11-29 di squadra a fine gara]. Philadelphia trema, ma non cede e chiude la sfida con l’ennesimo parziale (13-2) ispirato e chiuso da Tobias Harris. Complici le assenze di Simmons, Richardson ed Embiid, per l’ex Clippers è la quarta volta oltre 20 punti nelle ultime sei partite giocate (28). Ventello anche per un sempre ispirato Shake Milton e in generale cinque giocatori con 15+ punti a referto in casa Sixers. Nonostante 45 punti del duo Fox Hield, Sacramento raccoglie la prima sconfitta casalinga dopo sei successi. I Kings affronteranno nel fine settimana Portland in una sfida chiave per le speranze Playoff sull’ostico parquet del Moda Center, dove la vittoria manca da ben dodici confronti.

Precedente1 di 2
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Risultati NBA