Seguici su

News NBA

NBA, I tifosi di Philadelphia hanno fischiato Joel Embiid

Durante il match contro Chicago, vinto dai Sixers, i tifosi di Philadelphia hanno fischiato il proprio centro, reo di scarso impegno.

embiid

Parafrasando un vecchio detto, si sono visti giorni migliori in quel di Philadelphia. Pare infatti che con l’inizio del nuovo anno i Sixers abbiano smarrito continuità, rendendo più altalenante del previsto la stagione, scivolando al quinto posto attuale con uno dei peggiori trend del campionato. Tutto questo ha iniziato a far rumoreggiare il proprio pubblico. Nel mirino sono così finiti diversi giocatori, tra cui uno dei totem della nuova generazione Sixers, Joel Embiid.

La scorsa notte, in particolare, il pubblico non ha più nascosto il proprio malumore e, durante il match contro Chicago, ha iniziato a fischiare il proprio centro. Embiid, che di certo non è noto per essere sobrio nelle reazioni, ha risposto facendo il segno di stare zitti con il dito ed aggiungendo qualcosa a parole. A fine partita, intervistato, Embiid ha dapprima cercato di essere conciliante a riguardo:

“Stavo soltanto parlando a me stesso. Non ho giocato al mio standard.”

Per poi aggiungere una risposta più in stile Joel, colorita e diretta:

“Non me ne frega nulla di come sembra. Sto solo giocando a pallacanestro. Cercando di tornare me stesso e star bene. Sto solo giocando a basket e cercando di dominare. Grazie.”

Sull’argomento è voluto intervenire anche l’allenatore dei Sixers, Brett Brown, per cercare di stemperare il tutto:

“Ho parlato con Joel per capire come è andata. Ma in generale penso sia andata così. Questa città è unica, passionale. Basta guardare come trattano le proprie star, da Carson Wentz a (Bryce) Harper a Joel Embiid [….] noi dobbiamo semplicemente giocare meglio e allenare meglio.”

Da ricordare però, al di là delle parole da pompiere di Brown, che in questa che rischia di diventare una stagione davvero lunga per i Sixers, anche Al Horford era già stato fischiato dai tifosi di Philadelphia. Col rischio che la passione dei tifosi diventi troppo frustrante per i giocatori, rendendo ancora più complicato ritrovare la continuità persa.

Aria di litigi nella città dell’amore fraterno.

 

Leggi anche:

Olimpiadi 2020, Team USA: ecco i 44 giocatori che lotteranno per un posto in roster

Risultati NBA: Bogdanovic batte i Rockets allo scadere, i Clippers dilagano a Cleveland. Triple doppie vincenti per Morant e Simmons

Commento

Commento

  1. Giorgio

    11/02/2020 12:00

    Ha ragione Joel, i Sixers hanno chiari problemi di spaziature.
    Simmons ed Embiid sono due ottimi giocatori, ma a trazione prevalentemente centrale. Embiid è in grado di dominare contro quasi tutti i centri NBA, sa tirare da tre, ma il suo 30-33% non è poi così devastante.
    E’ uno dei pochi centri che tira dal campo abbondantemente sotto il 50%, sicuramente a causa del fatto che prende tanti tiri da fuori, ma potrebbe andare di più a schiacciare in testa ai difensori avversari.
    Ben Simmons è un non tiratore e quando non può attaccare in contropiede restringe non poco lo spazio ai compagni.
    Secondo me hanno fatto male a firmare un contratto così lungo e oneroso ad Horford, che sta per compiere 34 anni. E’ un ottimo giocatore, ma quando il più forte dei tuoi è un centro, secondo me dovresti investire di più nel back court..
    Phila giocava molto meglio quando l’asse centrale Simmons-Embiid era circondato da specialisti nel tiro da tre (Redick, Saric, Ilyasova, Belinelli..).
    Ora, con giocatori più forti di prima, hanno seri problemi di spaziatura. Embiid però non è Lebron James e se il front office ha deciso di investire su giocatori che gli tolgono un po’ la palla dalle mani e non si adattano perfettamente al suo gioco, lui deve trovare il modo di inserirsi meglio nel loro.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA