Seguici su

Dallas Mavericks

NBA, Lamar Odom torna sul suo passato con i Mavs

La pessima annata di Lamar Odom ai Mavs ha una spiegazione

lamar odom

L’anno ai Dallas Mavericks per Lamar Odom è stato decisamente da dimenticare, il peggiore della sua carriera.

L’attuale 40enne veniva da un’esperienza positiva con i Los Angeles Lakers, con i quali aveva vinto due titoli NBA mostrando anche grandi prestazioni sul campo. Purtroppo non riuscì mai ad instaurare un bel rapporto con il coach, lo staff, i compagni di squadra e soprattutto il proprietario dei Mavs. Questo lo portò non solo a registrare statistiche bassissime, ma addirittura ad essere scambiato per finire ai Los Angeles Clippers, con i quali giocò il suo ultimo anno in NBA.

Responsabile della partenza del giocatore è stato, primo fra tutti, il proprietario della franchigia Mark Cuban, che disprezzava e spesso discuteva con Odom per le sue prestazioni in campo.

Ultimamente sono emerse delle novità: Odom in una recente intervista ha infatti spiegato come avesse dato ai Mavs solo una minima parte del suo potenziale espresso ai Lakers e ai Clippers:

“Quando sono stato scambiato a Dallas, ero in un momento davvero difficile. Uno dei miei cugini più stretti era stato appena ucciso. Oltre a questo probabilmente stavo ancora soffrendo per la morte di mio figlio, che non ho mai superato, e non mi sono mai concesso la possibilità di soffrire per la posizione che ricoprivo in famiglia. Ero in una condizione piuttosto incasinata e l’ho detto a Mark Cuban quando mi ha scambiato.”

Si sa che la vita privata di Lamar Odom è sempre stata in bilico, caratterizzata anche da numerosi alti e bassi.

In carriera ha totalizzato una media di 13.3 punti, 8.4 rimbalzi e 3.7 assist a partita. Ad oggi non gioca più a basket se non nel torneo BIG3, al quale per ora non parteciperà. Resta da vedere se sarà in grado di tornare nella prossima stagione.

 

Leggi anche:

NBA, Lamar Odom e quella volta che Mark Cuban lo insultò

NBA All-Star Game, Portland chiede aiuto a… Bologna

Rose tra 6th Man of the Year, All-Star Weekend e futuro: “La gente mi ama ancora”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Dallas Mavericks