Seguici su

Risultati NBA

Risultati NBA, Magic scatto playoff: cadono Detroit, Brooklyn e Miami. Popovich espulso, Spurs annientati. Portland vince e fa 50

Bagarre per gli ultimi posti playoff ad Est, vince anche Charlotte che tiene accesa la speranza. Bene anche Atlanta, Houston, Utah, Minnesota e Chicago

(22-57) Chicago Bulls 115 – 114 Washington Wizards (32-47)

I Chicago Bulls mettono fine a una striscia negativa che durava da cinque partite, nonostante le tante assenze, e supera i Washington Wizards grazie anche a un protagonista a sorpresa come Walter Lemon jr, che dopo le molte esperienze all’estero (Ungheria, Germania, Turchia e Grecia) e tanta G-League, si toglie la soddisfazione di segnare i liberi della vittoria.

La partita è molto equilibrata, con nessuna delle due squadre che riesce a prendere un vantaggio decisivo sull’altra. All’inizio dell’ultimo quarto Washington riesce ad arrivare sul +8, ma i Bulls si rifanno subito sotto, e così anche quando, a 2 minuti circa dalla fine, i capitolini vanno sul +5: Shaquille Harrison è veloce a pareggiare con due canestri consecutivi. Il match è in assoluto equilibrio. Sam Dekker infila una tripla che porta Washington sul +3 (112-109), ma Chicago risponde, e mette anche la testa avanti con i canestri di Harrison e Walter Lemon jr quando mancano 30 secondi alla fine. Chasson Randle viene mandato in lunetta con 12.7 secondi sul cronometro, e segna entrmabi i liberi, portando avanti i Wizards. Con il tempo quasi scaduto però, Washington fa fallo su Lemon jr, che rimane freddissimo e consegna la vittoria agli uomini di coach Jim Boylen.

Serata da ricordare per Walter Lemon jr che chiude a 24 punti (con 11/16 dal campo) e 8 assist, mentre JaKarr Sampson contribuisce con 18 punti e 9 rimbalzi e Shaquille Harrison con 15 punti. A Washington non bastano i 20 punti e 12 rimbalzi di Thomas Bryant, né i 20 con 10 rimbalzi di Bobby Portis, o ancora i 19 di Bradley Beal.

(49-29) Philadelphia 76ers 122 – 130 Atlanta Hawks (29-50)

Gli Atlanta Hawks si confermano bestia nera dei Philadelphia 76ers e costringono gli uomini di coach Brett Brown, privi per la terza partita di fila di Joel Embiid, alla seconda sconfitta consecutiva. Una sconfitta – la terza per Philly in quattro scontri stagionali contro gli Hawks – che giunge in un momento delicato per i 76ers, che devono ancora mettere al sicuro il loro terzo posto nella Eastern Conferece, ora minacciato dai Boston Celtics.

La partita è bella, equilibrata, spettacolare e ad alto punteggio: Atlanta chiude il primo quarto in vantaggio di 4, sul 42-38, ma Philadelphia rimane attaccata al match, riuscendo anche a portarsi in vantaggio nel secondo quarto (65-58) prima di subire un parziale di 10-0 negli ultimi due minuti della frazione che la porta all’intervallo lungo ancora sotto di 4. Ancora nel terzo quarto la partita è combattutissima, con le due compagini a scambiarsi più volte il vantaggio, e Atlanta arriva all’alba dell’ultima frazione di gioco ancora sopra di 4. Ma nell’ultimo periodo gli Hawks scappano via, arrivando anche sul +13 (119-106). Philadelphia ci prova ancora disperatamente, ma non riesce mai a ridurre il vantaggio di Atlanta sotto i 5 punti e viene infine sconfitta.

Prestazione sontuosa di Trae Young che chiude a 33 punti (12/18 dal campo), 12 assist e 7 rimbalzi, mentre John Collins ne infila 25, catturando 8 carambole. DeAndre Bembry contribuisce con 17 punti e 6 rimbalzi, e Kevin Huerter ne mette 15. Inutili per Philly i 30 di J.J. Redick, così come i 21 di Tobias Harris, i 16 di un rientrante Jimmy Butler e le doppie doppie di Ben Simmons (15 punti, 15 rimbalzi, e anche 8 assist) e Jonah Bolden (13 punti e 10 rimbalzi).

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Risultati NBA