Seguici su

All Star Game

Eterno Vince Carter

Come Vince Carter ha rivoluzionato il modo di schiacciare a canestro, rivivendo le sue schiacciate più belle

 

Nemmeno un mese fa Vince Carter ha compiuto 42 anni e nonostante questo è ancora là fuori, sui parquet NBA, a giocare a pallacanestro. Così il giocatore degli Hawks è diventato uno degli atleti più longevi della NBA, arrivando a giocare la sua ventunesima stagione NBA in carriera. Una cosa che forse ci fa sentire un po’ più vecchi di quanto non pensiamo di esserlo, poiché quando guardavamo giocare i nostri idoli quando eravamo un po’ più piccolini eravamo portati a pensare che avrebbero giocato ancora per lunghi anni: il momento del ritiro sembrava così lontano da non apparirci nemmeno reale. 

Eppure il momento di appendere le scarpe al chiodo arriva per tutti i giocatori prima o poi: quest’anno potrebbe essere l’ultimo in NBA per Dwyane Wade, Dirk Nowitzki e Vince Carter. Con i primi due che si sono già sbilanciati riguardo il proprio futuro, ricevendo anche una selezione a testa per l’All-Star Game di quest’anno, Vince Carter non è ancora sicuro di voler dire davvero basta. In ogni caso, la sua carriera fino ad ora è stata di tutto rispetto: Vinsanity è infatti stato un All-Star per otto volte ed è stato incluso nel quintetto ideale della Lega per due anni. Inoltre ha guidato i Toronto Raptors alla prima qualificazione nella loro storia ai Playoff NBA nel 2000. Soprattutto, Vince Carter è entrato nel cuore di migliaia di tifosi che ne hanno ammirato le schiacciate, che altro non erano che vere e proprie acrobazie a canestro.

Perciò, nel dubbio che si ritiri o meno, e siccome siamo in aria di Slam Dunk Contest – e negli ultimi anni abbiamo faticato a vederne anche di lontanamente decenti, se escludiamo quello del 2016 – abbiamo voluto rendere omaggio alla carriera di Vince Carter rivivendo le sue schiacciate più belle. Dieci video che mostreranno come Carter fosse uno schiacciatore unico nel prime della sua carriera: esplosività, coordinazione e ordine nei movimenti, capacità di stare in aria per secondi che sembravano lunghissimi. Proprio per questo, abbiamo voluto prendere in considerazione le sole schiacciate che Carter mise a segno prima di compiere 30 anni, età con la quale l’immaginario collettivo fa coincidere in un atleta professionista i primissimi segni di declino. Pronti? Cominciamo.

 

 

Schiacciata 360° a una mano contro i Cavaliers (1999)

Il 1999 fu un anno piuttosto difficile per l’NBA per via dell’NBA Lockout, che ritardò l’inizio della stagione 1998-99 fino a gennaio inoltrato, la cancellazione dell’All-Star Game di quell’anno e la riduzione del campionato a 50 partite stagionali.

Lo stesso anno verrà anche ricordato come l’anno in cui la matricola Vince Carter si presentò alla Lega come un atleta dai mezzi atletici mai visti prima. La dimostrazione più ovvia è la schiacciata a 360 gradi, messa a segno con una sola mano, in una partita di fine stagione contro i Cleveland Cavaliers.

Air Canada, involandosi in solitaria a canestro, riceve palla, avendo tutto il tempo di schiacciare come più preferisce: è forse fra il momento della ricezione e il primo appoggio che nella testa del giocatore dei Raptors si materializza l’idea di provare qualcosa che nessuno aveva mai tentato prima. Così Carter pianta i piedi a terra, inclinandoli verso destra per dare al proprio corpo la forza necessaria a girare su stesso in volo, alzando la palla con un solo braccio, tenuto quasi ad angolo retto. L’esecuzione che ne esce è esteticamente perfetta, oltre che dallo straordinario impatto mediatico: Vince Carter è già considerato uno degli schiacciatori più esaltanti della Lega.

 

Precedente1 di 6
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in All Star Game