Seguici su

New Orleans Pelicans

Mercato NBA, clamoroso: Anthony Davis ha ufficialmente chiesto la cessione!

La superstar ha informato New Orleans che non firmerà un’eventuale estensione contrattuale e che vuole essere scambiato

anthony davis

Notizia che ha del clamoroso da New Orleans: Anthony Davis ha fatto arrivare ai Pelicans la richiesta di essere scambiato!

Secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski, l’agente di Davis, Rich Paul, avrebbe informato la dirigenza di New Orleans della volontà del giocatore di giocare in una squadra che gli garantisca la possibilità di competere per il titolo. Inoltre Davis non avrebbe intenzione di firmare l’eventuale estensione contrattuale monstre (240 milioni di dollari in 5 anni) che i Pelicans potrebbero offrirgli.

Rich Paul ha dichiarato a Wojnarowski:

“Anthony [Davis] vuole essere scambiato in una squadra che gli garantisca la possibilità di vincere molto e di competere per il titolo.

Anthony ha voluto essere onesto e chiaro nelle sue intenzioni e questo è il motivo per cui li ha informati [i Pelicans] adesso. Questo è nel miglior interesse di Anthony e del futuro dell’organizzazione”

Prima di avanzare la sua richiesta ai Pelicans, Davis avrebbe anche avuto una conversazione con i suoi compagni di squadra, come riferito da Shams Charania.

Ad ogni modo, secondo Marc Stein, Davis non ha fornito a New Orleans una lista di destinazioni preferite. Vi è inoltre incertezza sulle possibilità che la franchigia scambi la sua superstar prima della trade deadline, e Rich Paul non ha contribuito a fare chiarezza su questo argomento:

“Loro [i Pelicans] non hanno detto molto, ma noi volevamo fare la cosa giusta informandoli prima della deadline, in modo che potessero prendere la miglior decisione per il bene della franchigia”

Ma quali sono le destinazioni possibili per Davis? Di certo i Los Angeles Lakers si metteranno presto in moto: la squadra ha tutti gli asset per imbastire una trade, ed è alla ricerca del profilo giusto da affiancare a LeBron James che, per parte sua, ha sempre detto che adorerebbe giocare con il prodotto di Kentucky.

I Boston Celtics invece non potranno imbastire scambi per Davis prima della deadline: il regolamento NBA non permette a una squadra di ottenere via trade due giocatori che abbiano firmato il loro ultimo contratto approfittando della clausola nota come Rose Rule. Si tratta della regola che consente a una franchigia di offrire a un giocatore che esca dal proprio contratto rookie-scale un’estensione pari al 30% del salary cap anziché del 25%. Per poter approfittare di questa regola il giocatore in oggetto deve aver ottenuto in una delle sue prime quattro stagioni nella lega, o 2 selezioni all’All-Star Game, o il premio di Defensive Player of the Year, o il premio di MVP della lega. Questo è il caso sia di Davis, che ha firmato il suo contratto nel 2015 quando era stato già 2 volte All-Star, che di Kyrie Irving, che ha fatto lo stesso un anno prima, nel 2014. Quindi i Celtics non potranno allestire uno scambio se non quando Irving avrà firmato un nuovo contratto o sarà andato via in free agency.

Ma ci sarà sicuramente la fila alla porta dei Pelicans, con squadre pronte a offrire pacchetti più o meno interessanti per arrivare alla superstar scontenta.

Davis, che sta giocando una stagione sensazionale da 29.3 punti, 13.3 rimbalzi, 4.4 assist, 1.7 palle rubate e 2.6 stoppate a partita. In questo momento il nativo di Chicago è fuori per una distorsione al dito, solo l’ultimo di una serie di piccoli infortuni che l’hanno limitato a 41 match giocati in questa stagione. Nonostante questi numeri, New Orleans, con un record di 22-28, è solo al 13esimo posto nella Western Conference, e anche se le speranze playoff non sono del tutto svanite, sembra difficile che la squadra della Louisiana riesca a ripetere l’impresa dell’anno scorso, quando proprio grazie a Davis si qualificò con il seed #6 per poi eliminare Portland al primo turno e arrendersi solo ai Golden State Warriors in 5 gare.

Nella sua carriera Davis è stato 5 volte All-Star, 3 volte nel primo quintetto All-NBA e 3 volte nell’All-Defensive team.

2 Commenti

2 Comments

  1. Giorgio

    28/01/2019 17:02

    Già la dirigenza dei Pelicans lo aveva anticipato, ora ne siamo certi; è partita ufficialmente la corsa al giocatore più forte tra quelli che non hanno ancora vinto un titolo NBA o MVP. Se la deadline passa senza clamore, Boston è certamente in pole position per assets a disposizione e possibilità di far giocare Davis per il titolo NBA.
    Vediamo in questi giorni che accade…
    I Lakers ci proveranno sicuro, perchè non hanno nulla da perdere.
    Per me ci proveranno anche i Bucks, offrendo qualunque cosa tranne Giannis, ma per loro la vedo molto dura.
    Per il resto non riesco a immaginare altre squadre che possono intavolare realmente una trade per Davis.
    Boston alla deadline in realtà una possibilità ce l’avrebbe, inserire Kyre Irving nella trade, (Irving, Hayward, Williams + 3-4 prime scelte sarebbe anche un gran bel pacchetto e rimarrebbe spazio per assorbire anche un eventuale contratto scomodo di New Orleans) ma non credo nè che Ainge lo farebbe mai, nè che i Pelicans accetterebbero, visto che Kyre può uscire dal contratto in estate.
    E’ molto più probabile che la trade con Boston si faccia in estate e che lo scambio riguardi Tatum, Hayward + 3-4 scelte. Per i Celtics sarebbe bello avere contemporaneamente Tatum, Davis e Irving, ma purtroppo non credo che i Pelicans si accontenterebbero di J. Brown o di qualcun altro.

    • Caemine

      29/01/2019 08:37

      Ciao sono Carmine fan dei rockets. Volevo sapere se i rockets hanno possibilità di trade inserendo Capela, CP3, e scelte. Grazie

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in New Orleans Pelicans