Seguici su

Golden State Warriors

NBA, Curry avverte: “Il rientro di Cousins provocherà degli aggiustamenti”

Curry è sicuro: il rientro di un giocatore dal grande talento come Cousins porterà la squadra a livelli mai visti, a patto che la squadra stessa si adegui

Golden State attende con trepidazione il debutto di DeMarcus Cousins. L’ex giocatore di Pelicans e Kings è sempre più vicino al rientro, previsto dalla squadra per settimana prossima.
Col ritorno di DMC, il quintetto titolare degli Warriors si preannuncia a dir poco spaventoso. Tuttavia, Curry è consapevole che un giocatore così importante come Cousins avrà sicuramente un impatto sulla squadra da non sottovalutare:

“Sappiamo che tutti saremo costretti a fare degli aggiustamenti. Speriamo che sia un’altra sfida per quanto riguarda l’essere disciplinati e diligenti, sull’essere squadra con DeMarcus in campo. Ci porterà a nuovi livelli”

Caratteri forti

Anche se nelle ultime ore coach Kerr ha allontanato le voci di un rientro così immediato, DMC appare sempre più pronto a debuttare con la divisa dei bi-campioni in carica. In uno spogliatoio che quest’anno ha già vissuto dei dissapori, tradottisi poi anche in prestazioni non all’altezza di quello che sono i Golden State Warriors, l’inserimento di Cousins porta con sé, oltre all’immenso talento del giocatore, anche qualche dubbio:

“Non sappiamo come andranno le prime partite. Ma col QI collettivo di questa squadra, capendo l’altruismo che caratterizza questo spogliatoio, ce la caveremo in fretta. Sicuramente ci saranno degli aggiustamenti da fare”

Leggi anche:

Irving sui Celtics: “Adesso è tutto diverso”

Antetokounmpo: “Tutto ciò che mi interessa è vincere”

Kyle Kuzma: “Anche noi potremmo avere una ‘Death Lineup’ “

2 Commenti

2 Comments

  1. Franco

    10/01/2019 22:13

    Qual è la novita’ che non prenderemo piu’ sberle da tutti i centri avversari?

  2. Giorgio Banfi

    11/01/2019 09:35

    Infatti!
    Il loro momento “difficile” dipende primariamente dalla mancanza di un centro, dopo la partenza di McGee, che pur essendo l’MVP di “Shaqtin a fool” e pur giocando 15-20 minuti a partita, dava un contributo importante proprio contro le squadre più forti sotto canestro.
    Con Cousins torneranno inevitabilmente a dominare.
    Se poi davvero lo useranno come secondo play dal post alto, come diceva Kerr, come alternativa a Green dall’arco, vedremo.
    Forse Kevin Durant giocherà un po’ più in post basso, forse Curry e Thompson tireranno un po’ meno dal palleggio, ma non credo che stravolgeranno il loro gioco.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors