Seguici su

Chicago Bulls

NBA, Ryan Arcidiacono spera di giocare nuovamente con la Nazionale italiana

Il giocatore dei Bulls vorrebbe riaprire il discorso Nazionale con la Federazione, dopo aver giocato con la Nazionale Sperimentale nel 2014

Ryan Arcidiacono ha iniziato la stagione NBA giocando minuti importanti con i suoi Chicago Bulls. Di conseguenza, le voci su una sua possibile integrazione in Nazionale azzurra sono tornate a farsi più vive che mai. Anche se è nato in Pennsylvania, il giocatore ha origini siciliane, e fin dai tempi del college si è parlato di un possibile passaporto.

La guardia dei Bulls ha infatti già fatto parte della Nazionale Sperimentale in passato: fra il 2014 e il 2015 ha vestito la canotta azzurra in 17 occasioni, segnando 100 punti complessivi. Nel 2016 si è parlato insistentemente dell’assegnazione di un passaporto italiano per fare in modo che potesse essere convocato per il torneo Pre-Olimpico.

Così, interrogato dal Corriere dello Sport, anche questa volta Arcidiacono non ha nascosto il desiderio di riaprire un capitolo mai definitivamente chiuso.

“Spero di riprendere il discorso con la Nazionale. Con la sperimentale, due anni fa, fu emozionante. Sono nato a Philadelphia, ma le mie origini le conoscete, amo tutto dell’Italia, i miei genitori sarebbero felici.”

Si tratta comunque di un capitolo difficile da discutere, dal momento che per la Nazionale Italiana Arcidiacono è da considerare un giocatore internazionale: il suo avo ha infatti rinunciato alla cittadinanza italiana quando ottenne quella americana, con la documentazione richiesta depositata al Comune di Giarre, in provincia di Catania. Per questo motivo, il giocatore dei Bulls non può essere naturalizzato.

Classe 1994, Arcidiacono è stata la Star dei Villanova Wildcats nell’ambito del torneo NCAA, vincendo il titolo NCAA e il premio di NCAA Most Outstanding Player  nel 2016. Nonostante ciò, al Draft 2016 non venne selezionato da alcuna squadra, finendo così a giocare per gli Austin Spurs della G League, squadra affiliata ai San Antonio Spurs.

Nell’estate del 2017 il giocatore fu molto vicino ad un approdo in Italia, dopo essere stato ingaggiato dalla Juvecaserta, allora neopromossa in Serie A. Poco dopo, però, la Com.Tec – Commissione di controllo sui bilanci delle società – riscontrò gravi inadempienze economiche, non accettando l’ammissione in Serie A della società campana e rendendo di fatto nullo il contratto di Arcidiacono.

Da allora il prodotto di Villanova ha sempre militato con i Bulls, ritagliandosi crescente spazio: in questa stagione ha già giocato 11 partite – mentre sono solamente 24 le presenze dello scorso anno – facendo registrare 6.3 punti e 4.6 assist in oltre 24 minuti di media.

 

Leggi anche:

NBA: Stephen Curry out per infortunio

NBA, D’Antoni critica l’attacco dei suoi Rockets: “Siamo anemici”

NBA, Enes Kanter furioso con il social media manager degli Atlanta Hawks

I Bucks chiedono all’NBA di cancellare il contratto di Mirza Teletovic

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Chicago Bulls