Seguici su

Boston Celtics

NBA, tensione in campo fra J.R. Smith e Marcus Smart

Zuffa fra i giocatori Celtics e Cavaliers nel corso del primo quarto. Smart espulso, pesante sanzione in arrivo per gli atleti coinvolti

Nella partita di pre-season fra Cleveland Cavaliers e Boston Celtics della scorsa notte solamente la prontezza di giocatori e arbitri ha evitato una rissa fra Marcus Smart e J.R. Smith, zuffa che poi è costata l’espulsione al giocatore dei Celtics. 

Con 3:38 da giocare nel primo quarto alla Quicken Loans Arena di Cleveland, Aron Baynes e J.R. Smith si sono agganciati l’un l’altro in seguito a un tagliafuori, cosa che ha scatenato un paio di spintoni fra i due giocatori. Poi Marcus Smart ha spinto l’ala dei Cavs da dietro, incitandolo a reagire: provvidenziale la prontezza di compagni di squadra e arbitri , con Tatum e Rozier che hanno trattenuto Smart per evitare il peggio.

View this post on Instagram

Your average preseason night.

A post shared by NbaReligion.com (@nbareligion) on

In seguito gli arbitri hanno assegnato un fallo tecnico a Smart e Smith, mentre Baynes ha ricevuto un fallo personale. La guardia dei Celtics, espulsa dalla partita, incamminandosi verso gli spogliatoi ha continuato a confrontarsi con Smith con vari gesti, mentre il giocatore dei Cavs, rimasto in campo, ha risposto con un gesto ironico della mano, sorridendo.

I giocatori coinvolti nell’alterco molto probabilmente saranno oggetto di una multa o di una sospensione da parte della lega, anche se il secondo scenario appare più improbabile, visto che i due giocatori non sono arrivati a un vero e proprio scontro fisico.

“Nessuno mi ha spiegato perché c’è stata soltanto un’espulsione” ha dichiarato Marcus Smart a fine partita. “Ma mi va bene, non sono troppo preoccupato al riguardo. Ho preso io l’iniziativa, qualsiasi saranno le conseguenze, le accetterò.”

Smart ha anche spiegato il significato del gesto mentre usciva dal parquet e, almeno a suo dire, la ragione che ha scatenato la rabbia di Smart.

“Significava che poteva incontrarmi negli spogliatoi. Tutto questo casino sul campo? Dai, possiamo gestircela fuori. Si tratta di mia madre [morta un mese fa dopo una lunga battaglia contro il cancro, ndr], che possa riposare in pace. Non siamo più dei mocciosi. Su mia madre, che possa riposare in pace. J.R. sa dove abito, tutti sanno dove sono, sarà quel che sarà.”

Anche J.R. Smith non sembra essersi pentito delle sue azioni nel post-partita, dichiarando ai media, riferendosi al fatto che l’NBA voglia multarlo per non aver coperto il tatuaggio Supreme – nota marca di abbigliamento – sulla gamba:

“Alla fine non sono qui per buttare soldi provando a colpire Marcus Smart. Non perderò soldi per il mio tatuaggio, perché dovrei perderli con lui?”

Smith non ha poi perso occasione di rispondere alle dichiarazioni del numero 36 dei Celtics anche su Twitter: “Incontrami in strada, al diavolo lo spogliatoio!”

 

Leggi anche:

Cleveland Cavaliers Preview: prodi cavalieri senza Re

NBA: Kyrie Irving giura fedeltà ai Boston Celtics

Boston Celtics Preview: caccia alle Finals

2 Commenti

2 Comments

  1. karoo

    07/10/2018 13:21

    Lo spintone quasi ci stava. Baynes lo ha agganciato, strattonato per il braccio facendogli fare mezzo giro del corpo. Così un braccio lo puoi anche spezzare (Le dimensioni tra i due sono abbastanza differenti). Marcus si sa che è una testa calda e che i due non si sopportano. Questa volta ci ha fatto una figuraccia il bostoniano per me.

  2. Giorgio

    07/10/2018 14:38

    Io l’ho vista un po’ diversa, Smith aggancia Baynes e lui rotea su se stesso per farlo volare, ma jr resta agganciato, poi lo spinge platealmente, Smart si butta addosso a Smith da dietro e insiste mentre I compagni cercano di trattenerlo, l’arbitro e I suoi compagni allontanano Jr e lui spinge anche l’arbitro. Giusta l’espulsione di Smart, ma prima dovevano espellere Smith, la vera testa calda, che provoca uno il doppio di lui durante un’amichevole di preseason. Ora ha definitivamente rotto! Smart ha sbagliato a reagire, ma chissa’ cosa gli ha detto Smith?

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics