Seguici su

L.A. Lakers

NBA: Kobe Bryant azzecca l’investimento nella BodyArmor

Dopo anni di successi sui parquet NBA, Kobe Bryant dimostra un grande fiuto per gli affari: a distanza di 4 anni, un investimento da 6 milioni di dollari ne vale adesso 200

Kobe Bryant e il successo sono due destini indissolubilmente legati: dopo aver vinto 5 titoli con i Los Angeles Lakers e aver conquistato l’Oscar per il miglior cortometraggio d’animazione nel 2018, il Mamba si è rivelato anche un mago degli investimenti.

Bryant ha investito per la prima volta nella bevanda BodyArmor nel 2014, destinando 6 milioni di dollari, che ammontavano più o meno al 10% delle azioni del brand. L’investimento fatto a distanza di 4 anni, frutterà quest’anno a Bryant per 200 milioni di dollari secondo quanto riportato da ESPN. In meno di un lustro il pluri-campione NBA è riuscito a raccogliere più di 30 volte rispetto all’investimento iniziale: roba da maghi della finanza. Bryant si ritrova al momento ad essere il quarto azionista di maggioranza del brand, pubblicizzato come un prodotto alternativo e più sano rispetto a Gatorade, dietro al co-fondatore del marchio Mike Repole, Coca-Cola e Keurig Dr Pepper.

Pensare al successo improvviso di questo marchio è tanto più incredibile se si pensa che ai tempi dell’investimento fatto dall’ex Lakers la BodyArmour veniva da un’annata in cui aveva venduto prodotti per 10 milioni di dollari. Per dare un’idea di quanto l’investimento si sia rivelato azzeccato, la proiezione per le vendite di quest’anno parla di un ricavo di 400 milioni di dollari.

Bryant, che durante la sua carriera ventennale ha guadagnato 328 milioni di dollari sul campo, ha annunciato la scelta di investire in BodyArmour lo stesso giorno in cui ha annunciato la nascita della sua nuova compagnia, la Kobe Inc. Dopo tutto questo, ha avviato una joint venture con l’imprenditore Jeff Stibel e ha creato la sua compagnia di produzione, Granity Studios, con la quale ha realizzato il cortometraggio “Dear Basketball” che ha portato nella sua bacheca l’ennesimo trofeo.
Difficile a questo punto stabilire se Bryant abbia avuto maggiore successo fuori o dentro al campo.

 

Leggi anche:

NBA, Kuzma avverte: “Molti stanno sottovalutando i Lakers”

Mercato NBA: i Nets garantiscono il contratto di Spencer Dinwiddie

NBA, la lettera di ringraziamento di Melo ad OKC

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Lakers