Seguici su

Boston Celtics

NBA, Kyrie Irving: “L’infezione al ginocchio è ormai passata”

Nel corso di un operazione per rimuovere due viti dalla rotula sinistra, i medici avevano scoperto una pericolosa infezione.

Knicks

Kyrie Irving è entusiasta del fatto che l’infezione patita al ginocchio sinistro sia completamente guarita e che possa finalmente pensare alla prossima stagione.

Il playmaker dei Boston Celtics era stato costretto infatti a saltare interamente i playoff per un infortunio e, nel corso di un operazione per rimuovere due viti dalla rotula sinistra, i medici avevano scoperto un infezione.

Nella giornata di ieri, Kyrie Irving ha dichiarato ai giornalisti che la scoperta del problema ha impedito precocemente un’infezione da stafilococco.

“Voglio dire, chiedi a qualcuno che ha un’infezione, probabilmente proverà a minimizzarlo. È una cosa personale perché il tuo corpo lo sta attraversando. Stavo combattendo un’infezione in un posto specifico nel tuo corpo in cui non puoi necessariamente raggiungere con le mani. Devi andare lì e vedere cosa sta succedendo, e quello che è successo per me è stato particolarmente duro. L’infezione era sul cablaggio del metallo e le viti che avevo lì dentro, quindi ho dovuto rimuoverlo e poi essere in terapia con antibiotici per circa due mesi. Avrebbe potuto evolversi in stafilococco, ma la cosa buona è che l’abbiamo preso presto, sono contento che sia stato fatto. È stato un lungo, lungo periodo di due mesi.”

Il ginocchio sinistro del ventiseienne lo ha turbato a lungo, poiché le viti erano inizialmente inserite per riparare una frattura sofferta mentre giocava per i Cleveland Cavaliers durante le NBA Finals del 2015.

Kyrie Irving aveva anche un filo di tensione inserito nel ginocchio che è stato rimosso il 24 marzo, portando alla scoperta dell’infezione. Negli ultimi due mesi, è stato un processo lungo e rigoroso, cercando di eliminare l’infezione e assicurarmi di essere al sicuro. Kyrie Irving sarà presumibilmente pronto ai nastri di partenza a ottobre, e cercherà di raggiungere con la sua franchigia l’agognata vetta della Eastern Conference.

I Boston Celtics potranno anche godere del talento di Gordon Hayward, anch’esso di ritorno dal suo terribile infortunio dello scorso ottobre.

 

Leggi anche:

NBA, DeMar DeRozan: “Non c’è bisogno che io abbia un rapporto con Masai Ujiri”

NBA, David Robinson sulla situazione Spurs-Leonard

NBA, Terry Rozier si lega alla Puma

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics