Seguici su

Golden State Warriors

NBA, parole di fuoco tra Kevin Durant e CJ McCollum

Intervenuto durante il podcast del giocatore dei Trail Blazers, Durant non ha perso l’occasione di ricordare al collega l’inferiorità della sua squadra

Ci sono giocatori che, durante i mesi estivi, approfittano delle vacanze per partire alla volta di isole sperdute dove ricaricare le pile, lontano dalle fatiche di (minimo) 82 partite stagionali. Ce ne sono altri, invece, che non perdono mai l’occasione di ricordare agli altri la propria superiorità. All’ultima categoria appartiene senza dubbio Kevin Durant.

La superstar degli Warriors è intervenuta durante un podcast radiofonico del suo collega CJ McCollum. CJ stava esprimendo tutto il suo dispiacere per la firma di Cousins proprio con la squadra di KD, convinto che i Blazers avessero un’opportunità di arrivare a mettere DMC sotto contratto. A quel punto, Durant ha risposto per le rime:

KD: “Perché ti brucia così tanto?”

CJ: “Amico, sono anche io nella lega. Che intendi con ‘mi brucia’? Sono nella Western Conference, devo giocare contro di voi figli di put**** ogni volta, ogni volta. Ci avete eliminato un paio di volte. Per questo volevamo arrivare a Cousins.”

KD: “Voglio dire… Sapete che non vincerete il titolo, vero?”

CJ: “Amico, abbiamo una buona squadra. Abbiamo le capacità. Tutto è possibile, possiamo vincere il campionato anche noi.”

Non contento, Durant ha ricordato a McCollum com’è terminata l’ultima stagione dei Blazers, sweepati al primo turno nonostante la terza posizione conquistata nella Western Conference:

CJ: “Quindi, cosa suggerisci di fare?”

KD: “Vi suggerisco di continuare a giocare, e non preoccuparvi di ciò che accade ai piani alti. Rilassatevi.”

CJ: “Noi siamo ai piani alti. Siamo arrivati terzi l’anno scorso. Eravamo proprio lì, a poca distanza dal primo e dal secondo.”

KD: “Ma come avete giocato (ai Playoff, ndr)?”

CJ: “Sono successe delle situazioni sfortunate al primo turno.”

KD: “Come avete giocato?”

CJ: “Circostanze sfortunate.”

KD: “Come una squadra da ottavo posto.”

Nonostante la trascrizione possa apparire rude, il confronto si è svolto in un’atmosfera contornata da risate. Nonostante ciò, il trash talking non si è fermato al podcast ed è continuato su Twitter:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

NBA, Carmelo Anthony: “La mia situazione è normalità nella NBA moderrna”

NBA, i Milwaukee Bucks firmano l’ex Duke Trevon Duval

NBA, il mercato secondo Durant: “LeBron? Mossa perfetta”

2 Commenti

2 Comments

  1. Harper#12

    26/07/2018 12:29

    Magari i due sono amici e tutto è molto più semplice e rilassato di come appare, ma le argomentazioni di Durant sono deboli: perchè i TB non dovrebbero rinforzarsi e puntare a scalzare i GS acquistando giocatori come fanno gli stessi Warriors? E cosa ha da dire in generale KD? Favoloso giocatore, ma non è mai stato in grado di portare la sua squadra al titolo(e ha giocato in dei Thunder fortissimi come leader)e ha dovuto accasarsi coi più forti per vincere. Bravo, ma non un campione come gli altri del suo livello che invece si sono presi le loro responsabilità personali e hanno condotto le loro squadre al titolo. Lui no, è andato in un team che l’anno prima ne aveva vinte 70: troppo facile….

  2. Franco

    27/07/2018 19:39

    E’ un’articolo dove si vede ancora il rancore che ha anche questo sito nei confronti dei Warriors, ha ragione Durant probabilmente se Cousins e’ andato ai Warriors e’ perché hanno piu’ appeal dei Blazers.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors