Seguici su

Dallas Mavericks

Suns e Mavs puntano Aaron Gordon

L’ala dei Magic sarà restricted free agent nella prossima offseason

Gordon

Per Phoenix Suns e Dallas Mavericks, la stagione 2017-2018 è di fatto già conclusa. I record, rispettivamente 18-41 e 18-40, sono piuttosto eloquenti. Conviene, quindi, guardare all’offseason 2018 e alla prossima annata. I due peggiori team della Western Conference vogliono ricostruire. Col Draft sempre in mente, hanno intanto individuato nel prossimo restricted free agent Aaron Gordon un possibile tassello per il rebuilding.

BACK ON TOP

Gordon è alla miglior stagione in carriera, con medie di 18.4 punti e 8.3 rimbalzi a partita e il 45% dal campo. D’altra parte, ha confermato di essere un giocatore nel complesso monodimensionale. Le incursioni dovute all’atletismo sono la prima, seconda e terza opzione offensiva. Il tiro dall’arco va e viene (35% in stagione, in costante calo dopo un inizio di annata eccellente da questo punto di vista). I margini di miglioramento, per una combo-forward che deve ancora compiere 23 anni, sono lì da vedere. Gordon difficilmente diventerà una superstar NBA. Ha tutti i crismi, però, del secondo-terzo violino di una squadra da titolo.

Né gli Orlando Magic, suo team attuale, né i Suns, né i Mavs sono al momento anche solo lontanamente vicini al poter dire di aver allestito un rebuilding efficace in prospettiva futuro Titolo NBA. Dei tre, i Magic sono probabilmente quelli messi peggio. Nessun talentone a roster, confusione dirigenziale e tattica, pochi asset da muovere. I Suns, dal canto loro, hanno ammassato una serie di giocatori giovanissimi a rischio bust (Chriss, Ulis e Bender su tutti), ma hanno il franchise player di domani in Devin Booker. I Mavs sono in una situazione intermedia: Dennis Smith Jr. potrebbe essere la pietra angolare del futuro, ma ha ancora troppo poco chilometraggio NBA per poter essere considerato una wannabe superstar; Harrison Barnes da primo violino non sta funzionando.

Gordon cercherà un contratto nell’ordine dei 100 milioni di dollari per 4 anni. Suns e Mavs, probabilmente, spareranno alto per mettere in difficoltà i Magic. Orlando avrà tre giorni per pareggiare eventuali offerte al proprio RFA.

 

Leggi anche:

Brandon Rush firma un decadale coi Blazers

Paul George e la free agency: “Scelta a lungo termine”

I Raptors inseguono Arron Afflalo

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Dallas Mavericks