Seguici su

Curiosità

Tim Hardaway Jr. e i problemi al tiro

Il numero 3 dei Knicks, tornato alla casa madre in estate dopo aver firmato un contratto importante, sta deludendo le aspettative

I New York Knicks sembrano solo i lontani parenti della buona squadra ammirata ad inizio stagione. Liberatisi di Carmelo Anthony e Phil Jackson, i ragazzi di coach Hornacek sembravano aver trovato una quadratura. Le cose però sono cambiate presto.

Oltre alle pessime prestazioni dei (circa) ultimi due mesi, i Knicks hanno dovuto fare i conti con l’infortunio della stella della squadra, Kristaps Porzingis. Stagione finita e, probabilmente, con l’assenza del lettone finiscono anche le speranze  di conquistare un posto ai Playoffs.

Di certo non aiutano le difficoltà al tiro che sta avendo Tim Hardaway Jr. Il secondo miglior realizzatore della squadra (dopo Porzingis) è tornato da poco dall’infortunio alla gamba che lo aveva tenuto fuori per 20 partite ed è consapevole dei problemi che sta avendo:

“Vorrei solo essere in grado di segnare un cavolo di canestro. Sono frustrato, sto crollando. Devo cercare di uscirne fuori. Non posso continuare così, non posso lasciar andare le cose. Voglio dire, sono troppe partite di fila ora. Devo trovare una soluzione.”

Hardaway Jr. ha giocato 15 partite dal ritorno in campo. Sta tirando col 37.5% dal campo e un pessimo 28.7% dalla linea dei 3 punti. Da dimenticare, a proposito, l’orrenda prestazione da 0-8 dall’arco nella sconfitta di lunedì contro i Sixers.

I Knicks hanno perso le ultime 7 partite e sono 11esimi a Est, con un record di 23 vinte e 35 perse.

 

Leggi anche:

T.J. McConnell nella storia dei 76ers, prima tripla doppia uscendo dalla panchina

Risultati NBA: LeBron re a OKC, tripla-doppia Jokic

The shape of Paul George

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Curiosità