Seguici su

Cleveland Cavaliers

Clima infuocato in casa Cavs, Kevin Love il colpevole

Kevin Love accusato dai compagni: ma è lui l’unico colpevole in casa Cavs?

Non è un buon momento per i Cleveland Cavs. Come se le 6 sconfitte nelle ultime 8 gare, non fossero sufficienti a creare qualche problema a coach Tyronn Lue, a complicare la situazione ci sarebbe una situazione insostenibile all’interno dello spogliatoio. Il colpevole di tali tensioni? Kevin Love.

Secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN infatti, prima dell’allenamento di ieri i Cavs si sono ritrovati per un team meeting. Durante l’incontro diversi giocatori hanno hanno contestato la legittimità della malattia dichiarata da Kevin Love che lo ha portato a dare forfait nella la sconfitta di sabato contro gli Oklahoma City Thunder e anche all’allenamento del giorno seguente.

A molti giocatori non è andato giù il fatto che Love abbia lasciato addirittura l’arena prima della fine della partita contro OKC e lo hanno fatto presente sia al compagno che a coach Lue e al GM Koby Altman, entrambi presenti alla riunione.

Il clima infuocato si sarebbe calmato solo quando l’ex Minnesota Timberwolves, ha preso la parola per spiegare le sue ragioni a compagni, allenatori e dirigenti. Ragioni che la squadra avrebbe accettato ma che non cancellano certo le fazioni che ci sono all’interno dello spogliatoio Cavs.

Tutto l’ambiente, davanti alle telecamere, ha benedetto questo colloquio. Il fatto di esternare alcuni problemi potrebbe essere il primo passo verso la ritrovata fiducia e di conseguenza la vittoria. Adesso c’è da capire solo se questo chiarimento porterà dei benefici oppure acuirà le fratture interne. Il tempo per pensarci però non è troppo, perché domani sera i Cavs vanno di scena a San Antonio, contro gli Spurs con l’imperativo di non sbagliare ancora.

I Cavs sono con le spalle al muro. Il record dice 27 vinte 18 perse e terzo posto nella Eastern Conference con una sola partita di vantaggio sui Miami Heat.

 

Leggi anche:

Kanter e le frecciatine a LeBron: “Mi hanno detto di smetterla”

OKC, Melo: “Ora le cose vanno bene. Ho accettato il mio nuovo ruolo”

2 Commenti

2 Comments

  1. Luchinho87

    23/01/2018 10:49

    Irving modello di lungimiranza. In quel pollaio li sono tutti galli.

  2. Gilberto

    23/01/2018 12:55

    bah love andava ceduto subito dopo aver vinto il titolo, già la si vedeva buon giocatore ma di sicuro non vale tutti i soldi che sta a stipendio, a difesa è stato sempre nulla e quando arrivano gli avversari si scansa. Ora che gioca da centro tira molto meno da tre e la sua efficenza è ancora peggiorata. Se tengono love va preso un centro forte e riportato nel suo ruolo, senno è innutile cerchino una trade subito.
    poi pure lebron ha le sue responsabilità non è assolutamente esplosivo come era 2 mesi fa, e ha un +/- quasi sempre in negativo, a volte vuole strafare e sta perdendo troppi palloni innutilmente

    tifo cleveland ma sono seriamente preoccupato

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Cleveland Cavaliers