Seguici su

Houston Rockets

Knicks, la società si aspetta che Melo partecipi a Media Day e training camp

Stallo totale in casa Knicks, con Anthony ormai ufficialmente separato in casa

Melo

Carmelo Anthony vuole andarsene dai New York Knicks. I New York Knicks sono disposti a far partire Melo solo in caso di offerta congrua. Risultato: stallo. La franchigia della Grande Mela – nella persona del presidente Steve Mills – si aspetta che Anthony partecipi al Media Day di lunedì e al training camp, che comincerà martedì. Melo ha già fatto sapere di sperare di essere altrove per l’inizio della settimana prossima.

STALLO ALLA NEWYORKESE

Il rapporto tra le parti è difficilmente recuperabile. Anthony a 33 anni vuole giocare in una contender e i Knicks invece sono nel pieno dell’ennesimo rebuild. Melo vorrebbe trasferirsi a Houston, per giocare nei Rockets con James Harden e Chris Paul. La franchigia texana ha fatto pervenire un’offerta ai Knicks – incentrata su Ryan Anderson, da utilizzare come contropartita per Anthony – giudicata non soddisfacente dal team newyorkese.

La difficoltà nel muovere Melo sta, oltre che nell’età non più verdissima, nella presenza di una no-trade clause nel suo contratto. Contratto che chiamerà altri 55 milioni di dollari nei prossimi due anni. L’ala si è però detta disposta a cancellare la clausola in caso di trasferimento ai Rockets.

L’altra opzione concreta per un trasferimento sono i Portland Trail Blazers, che però paiono più defilati, anche perché a propria volta non in possesso di contropartite considerate adeguate (la franchigia dell’Oregon vuole trattenere sia Damian Lillard che CJ McCollum).

Si è parlato pure del possibile inserimento dei Milwaukee Bucks come terza squadra per aiutare Knicks e Rockets a far tornare i conti e il valore tecnico della trade. I Bucks sarebbero disposti a girare Jabari Parker a New York e a prendersi Ryan Anderson dai Rockets, ma dovrebbero essere inseriti anche giocatori di contorno e/o scelte per convincere Milwaukee a liberarsi della promettente ala grande.

Intanto l’inizio della stagione 2017-2018 si avvicina (17 ottobre) e Melo è ancora un Knick. E, se non dovesse essere trovata la quadra per una trade, rischia di viversi altre settimane, mesi, forse anni da separato in casa.

NEWS NBA

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Houston Rockets