Seguici su

Boston Celtics

Terry Rozier tra gli intoccabili di Ainge: “Mai avuto dubbi sulla mia permanenza”

L’ex Louisville pronto alla sua terza stagione nei Boston Celtics con un ruolo che lo vedrà sicuramente più protagonista dalla panchina

In una stagione di cosi tanti cambiamenti, alcuni anche a sorpresa, nella città di Boston erano pochi i giocatori dei Celtics della scorsa stagione a sentirsi sicuri del proprio posto. Uno di questi era Terry Rozier. La combo-guard nella scorsa stagione ha visto raddoppiare il proprio utilizzo da 8 a 17 minuti e la propria produzione offensiva da 2 a quasi 6 punti a partita, ma soprattutto è stata la fiducia di Brad Stevens nei suoi confronti ad aumentare, portandolo ad essere impiegato anche in momenti importanti delle partite, all’interno dei quintetti con quattro esterni che tanto utilizza il coach dei Celtics.

Aumentato il suo impatto nella Lega è cresciuto anche il mercato intorno al suo nome e durante l’estate sono state molte le squadra che hanno contattato la dirigenza dei Celtics per provare ad inserirlo in una trade, insieme ai vari Bradley e Crowder. Danny Ainge, però, non ha mai avuto intenzione di privarsi del suo giocatore.

Lo stesso Rozier, intervistato da CBS Boston ,ha dichiarato di essere a conoscenza dei rumors sul suo conto in estate e durante la scorsa stagione (inserito in un tentativo di trade per arrivare ad Ibaka, prima che il giocatore si trasferisse ai Raptors), ma di essere certo che da parte della società non esista alcuna volontà di scambiarlo. Questo gli ha dato una grande motivazione nel lavorare durante la Offseason sugli aspetti del gioco in cui deve migliorare, come la gestione del ritmo nei momenti caldi delle partite e la percentuale del tiro da tre ( ha chiuso con uno scarso 32% nel tiro da fuori la scorsa stagione).

Per il prodotto dei Cardinals si prospetta quindi una stagione con un ruolo di primo piano in uscita dalla panchina per dare riposo al nuovo arrivato Kyrie Irving e offrire più qualità ad un secondo quintetto, quello di Boston, che spesso nella scorsa stagione non ha supportato il lavoro svolto dallo Starting five, risultando la 22° per punti segnati 32,6 e la 27° per percentuale dal campo con il 42,7%.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics