Seguici su

New York Knicks

Phil Jackson potrebbe tornare sulla panchina dei Knicks

Indiscrezione che avrebbe del clamoroso: secondo Espn, Phil Jackson starebbe valutando la possibilità di sedersi sulla panchina dei Knicks nelle gare casalinghe

Jackson

Clamorosa indiscrezione data nelle ultime ore dall’emittente americana Espn: la prossima stagione, a sedere sulla panchina del Madison Square Garden potrebbe essere nientemeno che l’attuale presidente Phil Jackson.

L’ex coach di Bulls e Lakers starebbe infatti meditando la possibilità di risolvere i problemi dei suoi Knicks, che finora non hanno mai raggiunto i playoff dal suo insediamento nei quadri dirigenziali della franchigia (e in questa stagione la sinfonia non dovrebbe cambiare), attivandosi in prima persona e ricoprendo il ruolo che l’ha consacrato nella leggenda della Lega: quello di allenatore. Jackson, 71 anni il prossimo settembre, aveva abbandonato la frenetica vita dell’allenatore NBA per acciacchi fisici all’anca e alla schiena: ecco perché, anche in caso di ritorno, guiderebbe i Knicks in prima persona solamente nelle gare casalinghe, tenendo l’attuale coach Kurt Rambis come suo sostituto nelle trasferte.

Dopo il licenziamento a stagione in corso di Derek Fisher, sembra che Jackson abbia cominciato a seguire maggiormente la squadra e a dare molte più indicazioni personali a giocatori e staff tecnico, e considerate le difficoltà a trovare la persona giusta per guidare la tanto attesa rinascita dei Knicks (pare ormai scontato che Rambis, inizialmente additato a semplice traghettatore in attesa di un coach di più alto profilo, finirà invece per portare a termine la stagione), potrebbe scegliere appunto questa soluzione di coach “casalingo” per il prossimo anno.

Dal canto suo, fino a questo momento “coach Zen”, così chiamato per la sua filosofia motivazionale influenzata dal pensiero orientale, ha sempre negato la possibilità di un proprio ritorno, e respinto anche numerose offerte (anche i Lakers poco tempo fa gli offrirono di tornare per la terza volta a Los Angeles) proprio per i problemi fisici. Staremo a vedere se questa soluzione, che gli eviterebbe il peso delle trasferte, riporterà in panchina un allenatore capace di vincere 11 titoli e tuttora detentore della più alta percentuale di vittorie della storia NBA tra i coach con almeno 200 gare dirette (70.4%).

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in New York Knicks

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.