Seguici su

Houston Rockets

Houston, abbiamo un problema

Houston, Texas, quarta città degli States per abitanti, conta più di 5 milioni di anime, metropoli tra le più grasse al mondo infatti ben un abitante su quattro supera la soglia dell’obesità e dal ’71 casa dei Rockets, franchigia che prima aveva sede a San Diego.

La squadra, vincitrice di due titoli (1994 e 1995), quest’anno ha rivoluzionato l’organico, comprando giocatori importanti e cercando di riagganciare quei Playoff che mancano da tempo.

Le partenze di tutti i migliori interpreti della passata stagione: Scola, Dragic, Lee, Lowry e Budinger, sono state compensate dagli arrivi di giocatori come Asik, Lin e Delfino. La vera ciliegina sulla torta del mercato texano è stata, tuttavia, la trade che ha portato James Harden (sesto uomo dell’anno e finalista Nba con la maglia di OKC) al Toyota Center in cambio di Kevin Martin e Jeremy Lamb.

L’inizio di stagione è stato fino a qui molto positivo, il record ad oggi recita 21 vittorie al fronte di 14 sconfitte e proietta così la squadra ad un ipotetico sesto posto, nella griglia occidentale. La buona stagione della franchigia della contea di Harris è dovuto agli ottimi numeri di Harden, che sta viaggiando a 26,4 punti a partita, ma soprattutto al buon gioco di squadra congiunto all’eccellente sviluppo di due giocatori come Parsons e Patterson. I due sono passati dall’essere il settimo e l’ottavo realizzatore, ad essere il secondo e terzo di questa stagione, se l’anno scorso in coppia segnavano 17 punti e raccoglievano 9 rimbalzi, ora i punti sono diventati 27 e i rimbalzi più di 11. Anche Asik porta un valido contributo con una doppia doppia da 11 e 11 di media.

Tralasciamo però il basket giocato per un attimo, concentriamoci sull’aspetto economico di questi Rockets., è vero che quest’anno stanno facendo bene e hanno il monte salari più basso dell’intera Nba ma tra due anni cosa accadrà?

Le prospettive per la squadra texana sono tutt’altro che rosee, i contratti folli attribuiti a due giocatori ampiamente sopravvalutati dalla dirigenza come Asik e Lin, uniti a quello più sensato ma comunque oneroso fatto ad Harden impedisono sostanzialmente a Houston di creare un qualsiasi futuro progetto. Se gli 80 milioni spalmati su 5 anni (in maniera che sarà chiara solo a fine stagione) per il Barba, risultano obbligatori per creare un punto di partenza, allo stesso modo i contratti (identici) a crescere per il turco e Linsanity risultano distruttivi. 5 milioni il primo anno, 5,225 il secondo per poi arrivare a quasi 15 a testa il terzo, sono senza ombra di dubbio cifre troppo importanti, soprattutto per giocatori tutto sommato mediocri. Tra due anni chi sarà disposto a prendersi sul groppone numeri simili? Con ogni probabilità nessuno. Col presupposto che quest’anno i Rockets non vinceranno certamente il titolo, si prospettano anni lunghi e difficili per i tifosi della squadra texana. Situazione non molto differente e in parte più grave la vivono i Brooklyn Nets che nella stagione 2015/16 dovranno sborsare 73 milioni di stipendio per soli quattro giocatori. Se i 16 che spetteranno a Brook Lopez potranno comunque risultare ben investiti, ben diversa appare la situazione per il trio Williams, Wallace, Johnson. Il primo arriverà a guadagnare 21 milioni, cifra che risulta priva di ragione di esistere viste le attuali prestazioni del numero 8 dei Nets. Il secondo percepirà poco più di 10 milioni, ammesso e non concesso che li valga ora, certamente non li varrà tra 3 anni quando il suo tassametro segnerà 34 anni di vita. Il terzo è probabilmente il caso più eclatante, JJ è indubbiamente un giocatore dal livello stratosferico ma anche in questo caso l’avanzata età lascia qualche dubbio e i 25 milioni, si esatto 25, che entreranno nelle sue tasche nel 2016 difficilmente non faranno rimpiangere il giorno di quella maledetta firma alla dirigenza Nets. Si prospettano anni cupi.

Parti in viaggio con noi a Miami dal 21 al 28 marzo: due partite NBA con Fan Experience (riscaldamento da bordocampo e meet & greet) e una bella vacanza a South Beach!

SCOPRI L'OFFERTA DI LANCIO SU LESGOUSA.IT

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Houston Rockets