Seguici su

News NBA

NBA, O.G. Anunoby e il culto della difesa: “Ho sempre saputo di poter diventare il miglior difensore della lega”

L’obiettivo personale del giocatore britannico? Vincere il DPOY

Presentarsi al sistema NBA senza autostima, determinazione e una coraggiosa dose di impertinenza, è un invito nemmeno troppo velato a farsi massacrare da allenatori, giocatori e addetti ai lavori. Non a caso, le dimostrazioni più significative di quello che oltreoceano ha valore di imprescindibile codice attitudinale vengono spesso offerte da atleti di contorno, che sentono bisogno fisico di prendersi il proscenio e dar sfogo al proprio orgoglio in una lega che degna comprensibilmente solo le grandi star di imponente attenzione mediatica. Come ritagliarsi quindi un ruolo di spicco senza disporre né di talento cristallino né di capacità balistiche eccelse? Risponde O.G. Anunoby:

“Giocare in NBA non è per forza un sogno; un ambiente tanto elitario può trasformare la vita di tanti giocatori in un incubo. L’unico modo che abbiamo per incidere a questo livello è credere fortemente in noi stessi e, in mancanza di un talento naturale esondante, lavorare ossessivamente su aspetti mirati del nostro gioco e diventare i migliori in situazioni molto specifiche. Io, ad esempio, ho sempre saputo di poter diventare il miglior difensore della lega e in questi sei anni ho lavorato duramente per dimostrarlo a chiunque sul campo. In questo istante, mi reputo il più meritevole tra i papabili vincitori del DPOY”.

Conclude il giocatore di origini nigeriane:

“Quest’anno, viaggiando a tre palloni recuperati a partita, gli attaccanti avversari mi sfidano con molta più accortezza. Dovrò ovviamente dare la massima continuità alle mie prestazioni, proteggendo il mio fisico al fine di giocare molte più partite delle scorse stagioni. Sogno di arrivare in postseason con i Raptors e cancellare dal campo i migliori attaccanti avversari nei momenti decisivi; non temo nessuno in particolare e sono pronto a confermare i buoni risultati di questo inizio anche quando la palla inizierà a scottare”.

 

Leggi anche:

Trae Young non salterà partite per l’infortunio all’occhio

Luka Doncic come Chamberlain: settima partita con +30 punti

I Lakers vincono all’OT contro NOLA: Matt Ryan protagonista

Parti in viaggio con noi a Miami dal 21 al 28 marzo: due partite NBA con Fan Experience (riscaldamento da bordocampo e meet & greet) e una bella vacanza a South Beach!

SCOPRI L'OFFERTA DI LANCIO SU LESGOUSA.IT

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA