Seguici su

Playoff NBA

Playoff NBA: il game-winner di Anthony Davis regala Gara 2 ai Lakers!

I Lakers, saldamente al comando a 3 minuti dal termine, si fanno rimontare da un grande Jokic. Nell’accesissimo finale la spuntano comunque i gialloviola, grazie alla tripla di Davis che batte la sirena

Lakers Davis

Denver Nuggets 103-105 Los Angeles Lakers (Lakers avanti 2-0)

Ci sono momenti nella carriera di un giocatore che ne consacrano la legacy, che lo elevano a stella assoluta, scolpendo nella memoria degli appassionati un istante unico e indimenticabile. Quello di stanotte diventerà, salvo altre sorprese, il tiro più importante della carriera di Anthony Davis.

La partita dei Lakers inizia con un LeBron James saldamente al comando delle operazioni. Il 23 scende in campo molto aggressivo e attacca con cattiveria il ferro: la partita si apre con una sua tripla. Poi vola in contropiede e infine sorprende Murray con un taglio alle sue spalle per volare a canestro e chiudere l’alley-oop alzato da Rondo. Nel frattempo i Lakers chiudono un parziale da 18-3 che li mette saldamente al comando delle operazioni:

La leadership dei Lakers viene ridotta dal rientro dei Nuggets sul 35-33. A metà secondo quarto i gialloviola conducono di 5 punti e iniziano con un altro super parziale. A guidarlo c’è l’insospettabile Alex Caruso. Il numero 4 conduce i suoi compagni ad 11 punti contro zero subiti. Tra le giocate ci sono una tripla e due palle rubate: la seconda si conclude con un bel lay-up, ma la prima porta ad una super schiacciata che fa saltare tutta la panchina. A 4 minuti dalla metà di gara i Lakers sono sul 52-36, prima di vedere la loro leadership accorciata da Denver a 60-50.

Denver dà quindi segnali di vita che si traducono in un buon terzo quarto. I Nuggets riescono a rimanere a galla e a non sprofondare definitivamente. Fondamentali sono i canestri di Murray, capace di battere a ripetizione una difesa avversaria leggermente rilassata. La rimonta si concretizza nel quarto periodo, con Denver che impatta a quota 82.

LeBron capisce di dover salire in cattedra e vola al ferro, con fallo subito, per rimettere le cose in chiaro. I Lakers riescono a restare avanti con un possesso pieno di vantaggio: Rondo serve Caldwell-Pope in angolo che, col cronometro dei 24 in scadenza, segna una autentica preghiera. Gli dèi del basket decidono di premiare anche Anthony Davis, trovatosi in una situazione simile. La sua tripla allo scadere del cronometro di tiro porta i Lakers sul 100-92,a 3 minuti dal termine della partita:

Denver dimostra però, ancora una volta, di essere squadra combattiva fino all’ultimo secondo. Guidati da Jokic e dai suoi 9 punti consecutivi, i Nuggets riemergono dal baratro a pochissimo dalla fine e conquistano un’insperatissima leadership con 32 secondi scarsi rimasti sul cronometro. Il serbo tira fuori dal cilindro il meglio del suo repertorio, tra tiri dalla media degni di una guardia e triple in faccia a chiunque, concludendo con un furbissimo tap-in che corregge il tiro sbagliato da Murray:

Nel possesso successivo LeBron serve AD che batte il suo uomo e col floater riporta avanti i Lakers. Jokic risponde però ancora presente, sfidando proprio Davis in post e segnando col gancio a 20 secondi dal termine. L’ultimo possesso è dei Lakers: LeBron sfida Murray, scarica fuori a Caldwell-Pope che a sua volta passa a Caruso. La tripla del numero 4 è fuori bersaglio e si accende una mischia a rimbalzo. La palla arriva nelle mani di Danny Green che si alza da dentro l’area ma viene stoppato da un grande Murray.

La palla va in rimessa. C’è Rondo in battuta: Davis esce dai blocchi e viene servito dietro l’arco. AD si alza per tentare la tripla, che entra esattamente nel momento in cui suona la sirena. I Lakers vincono Gara 2 grazie a questo straordinario tiro, culmine della serata da 31 punti di Davis:

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Playoff NBA