Seguici su

Brooklyn Nets

NBA, nasce una coalizione per sensibilizzare la lega sulla ripartenza

Ai vertici del gruppo si troverebbero Kyrie Irving e Avery Bradley

Kyrie Irving

Dopo mesi di battaglia si è finalmente giunti a un accordo: il 30 luglio ripartirà l’NBA, nel magico mondo di Disney World. Ventidue franchigie torneranno a sfidarsi intensamente per portare a termine la stagione, che per otto squadre però sarà quella 2020/2021. Tutti contenti? Apparentemente no, perché sta prendendo corpo una coalizione, formata perlopiù da giocatori, che fa dell’incertezza il suo mantra. Incertezza circa la ripresa, e il gruppo capeggiato da Kyrie Irving e Avery Bradley si batterà fino allo scioglimento dell’ultimo piccolissimo dubbio.

Secondo le indiscrezioni, Irving avrebbe già avuto contatti con 80-100 giocatori e nella giornata di oggi sarebbero in programma altre 40 telefonate. Tra i contattati vi sarebbe anche John Carlos, 75 anni oggi e medaglia di bronzo alle Olimpiadi 1968. L’obiettivo sarebbe quello di dar vita ad una coalizione resistente, rocciosa, potente per difendere la voce di quei giocatori che temono un’eventuale esposizione personale. Un secondo scopo, non meno importante del primo, sarebbe quello di arrivare ad affrontare con la lega temi come: la possibile impennata dei casi di Covid-19 in Florida, le condizioni restrittive da seguire nella bolla in cui avverrà la ripresa, le responsabilità dei giocatori circa eventuali malattie e le assicurazioni sugli infortuni.

In un comunicato rilasciato a ESPN, la coalizione si è presentata con queste parole:

“Siamo un gruppo di uomini e donne provenienti da diverse squadre e settori che normalmente vengono identificati come oppositori, ma che hanno messo il proprio ego e le proprie differenze da parte per essere sicuri di rimanere uniti e di chiedere onestà in questi tempi di incertezza.”

Il gruppo ha aggiunto:

“Non si tratta di giocatori, atleti o intrattenitori. Si tratta di uomini e donne forti uniti per il cambiamento. Abbiamo le nostre visioni. Ad ogni modo, non staremo in silenzio e non giocheremo per distrarci da tutto ciò che questo sistema è: uso e abuso.”

Leggi anche:

NBA, Ed Davis vota per la ripresa: Alcuni ragazzi hanno bisogno di soldi

Adam Silver: Ripresa NBA? Giocherà solo chi vorrà farlo

NBA, Charles Barkley: Sarebbe sbagliato cancellare la stagione

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Brooklyn Nets