Seguici su

Milwaukee Bucks

NBA, Antetokounmpo si unisce alla protesta per George Floyd

Antetokounmpo partecipa alla protesta contro il razzismo scendendo per le strade di Milwaukee

Giannis Antetokounmpo, stella dei Milwaukee Bucks, si è unito alla protesta per la morte di George Floyd, caso che sta infiammando l’America. Sceso per le strade di Milwaukee, l’attuale MVP della NBA si è presentato con addosso una maglietta su cui erano ben visibili le parole “I can’t breathe”. Il giocatore greco ha anche mandato un messaggio molto importante:

“Questa è la nostra città. Siamo qua tutti perché vogliamo un cambiamento. Vogliamo giustizia. Questo è il motivo per cui siamo tutti qua. Questo è il motivo della nostra protesta. Io marcerò con voi fratelli per questo. Voglio che i miei figli – quando cammineranno per Milwaukee – non abbiano paura. Non voglio che i miei figli abbiano odio nel loro cuore. Non faccio tutto questo per pubblicità. Non me ne frega niente della pubblicità. Voglio che la gente di Milwaukee sappia che io sono qui.”

Non c’era solo Antetokounmpo, ma anche alcuni suoi compagni di squadra come Donte DiVincenzo, Brook Lopez, Frank Mason e Thanasis Antetokounmpo. Molti giocatori NBA hanno preso parte a queste proteste, sperando che stavolta far sentire la propria voce possa servire a qualcosa.

 

LEGGI ANCHE:

The Others – Dražen Petrović o “the Biggest, the Strongest, the Greatest”

NBA, Jeff Van Gundy avvisa: “I giocatori hanno paura di prendere il Virus”

La classifica NBA in caso di parità alla fine della regular season

Parti in viaggio con noi a Miami dal 21 al 28 marzo: due partite NBA con Fan Experience (riscaldamento da bordocampo e meet & greet) e una bella vacanza a South Beach!

SCOPRI L'OFFERTA DI LANCIO SU LESGOUSA.IT

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Milwaukee Bucks