Seguici su

News NBA

La NBA spera di espandere il modello “Select Team” della G League

La NBA vuole inserire una squadra formata dai migliori talenti delle High School, tra cui Jalen Green

G League

Nella prossima stagione, molto probabilmente, la G League ospiterà una squadre non affiliata alle franchigie NBA: la cosiddetta “Select Team” sarà formata dai migliori prospetti delle high school, tra cui Jalen Green.

Come riporta Marc Stein per il New York Times, la speranza della lega è quella di inserire in futuro quattro o cinque squadre nella G League.

A partire dalla D-League ad otto squadre nel 2001 , la lega di sviluppo della NBA è cresciuta molto negli ultimi anni: tutte le squadre oggi, a eccezion fatta dei Denver Nuggets e dei Portland Trail Blazers, hanno una squadra affiliata.

Con l’intento di aumentare la competitività nel campionato e di rafforzare il legame con le squadre maggiori, la NBA aveva già annunciato di aver aggiunto una nuova squadra alla competizione, a partire dalla stagione 2020/21: i Ciudad de Mexico Capitanes.

L’inserire squadre composte esclusivamente dai migliori talenti delle High School darebbe un maggiore blasone alla G League e la possibilità ai giocatori di crescere in un ambiente più professionale.

Per attuare questo nuovo modello bisognerà vedere come andrà il primo anno di Jalen Green nel team selezionato: la speranza rimane quella di reclutare un numero maggiore di giocatori per formare altre squadre da aggiungere al campionato.

 

LEGGI ANCHE: 

NBA, Malone: “LeBron James? Non ha la stessa mentalità di Jordan

Dennis Rodman sicuro: “Avremmo potuto vincere un quarto titolo NBA di fila

NBA, Chris Paul: “Abbiamo bisogno di più di due settimane per tornare a giocare

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA