Seguici su

Risultati NBA

Risultati NBA: Tatum guida i Celtics nel doppio overtime con i Clippers, W per OKC nonostante un super Zion

Ultime due gare della stagione prima della pausa dell’All-Star Game, con i Thunder che resistono agli assalti di un Zion Williamson in crescita esponenziale. Doppio overtime in quel di Boston, dove i padroni di casa battono i Clippers grazie ai 39 punti di Jayson Tatum, sempre più leader di questi Celtics

risultati nba

Oklahoma City Thunder 123 – 118 New Orleans Pelicans

Nonostante il nuovo career-high, aggiornato per l’occasione a 32 punti, di Zion Williamson, i Pelicans non riescono a strappare la vittoria allo Smoothie King Center di New Orleans e devono arrendersi ai Thunder. Un risultato straordinario per una squadra in piena ricostruzione, che riesce a sfruttare al meglio un secondo quarto da 37 punti realizzati per flirtare con la doppia cifra di vantaggio, senza però che gli avversari pensassero neanche per un secondo di alzare bandiera bianca. Trascinati da un super WIlliamson, infatti, i Pelicans sono riusciti a restare sempre in partita, arrivando a contendersi la vittoria in un finale punto a punto. La tripla di Ball aveva infatti dato il vantaggio ai padroni di casa, portandoli sul 111-110, ma poi due canestri consecutivi di Gallinari, conditi da un paio di liberi sul finale, hanno contribuito a rimettere le cose in ordine in casa Thunder. Highlights della serata: prima tripla in carriera di Steven Adams, con un buzzer beater realizzato a una sola mano dalla propria metà campo. 29 punti per Danilo Gallinari, coadiuvato da un Chris Paul da 14 punti, 12 assist e 8 rimbalzi, mentre dall’altra parte JJ Redick realizza 24 punti in uscita dalla panchina.

Los Angeles Clippers 133 – 141 Boston Celtics

Ci sono voluti due overtime al TD Garden di Boston per decretare il vincitore dello scontro ad alta quota di questa ultima notte di regular season prima dell’All-Star Game, con i Celtics che alla fine dei conti hanno avuto la meglio sui Clippers di Doc Rivers. Grande prova di Jayson Tatum, autentico trascinatore dei suoi – 39 punti e 9 rimbalzi il suo bottino di stanotte –  che assieme a un Marcus Smart da 31 punti ha retto l’urto dei Clippers, guidando l’assalto dei Celtics nel corso dei due supplementari. Ben 16 dei 27 punti realizzati dai biancoverdi nel corso dei 10 minuti addizionali portano infatti la firma del duo Tatum-Smart, con il primo sempre più a suo agio nei panni del go-to-guy e il secondo che, partito in quintetto al posto di Brown, ha realizzato i primi 10 punti del match per i suoi, contribuendo alla super partenza dei padroni di casa. Gara all’insegna del grande equilibrio in mezzo al campo, che però ha visto uno dei protagonisti annunciati del match, Paul George, lasciare il campo nel corso del secondo periodo per via di un problema al ginocchio sinistro. Privi di una delle proprie star, i Clippers hanno fatto di tutto per rientrare in partita, riuscendo a forzare ben due overtime senza però portare a casa la trentottesima vittoria stagionale. Non sono bastati stavolta i 28 punti e 11 rimbalzi di Kawhi Leonard, e neppure la doppia doppia da 24 punti e 13 rimbalzi di Montrezl Harrell.

2 Commenti

2 Comments

  1. Giorgio

    14/02/2020 10:08

    Grande battaglia, grande vittoria per i Celtics, con Smart che quest’anno, oltre a fare la parte del leone, mostra sprazzi di talento assoluto e Hayward decisivo in difesa nel finale.
    Ma soprattutto con Tatum che, dopo essere stato nominato player of the week ad est (la settimana prima era stato nominato Jaylen Brown), dimostra di essere tra i giocatori in assoluto più forti della lega, ad est dietro solo ad Antetokoumpo, superato di gran lunga Irving..
    Come mai è esploso quest’anno?
    Intanto, grazie al grande Kobe, il giocatore tecnicamente più forte della storia, con cui si allenato l’estate scorsa, che gli ha insegnato qualche trucchetto, ma soprattutto grazie alla fiducia che ha da parte della squadra e che ha in se stesso.
    L’anno scorso doveva attaccare sempre dall’ala, in spazi angusti dove quasi sempre trovava solo mezzo metro per un jumper in allontanamento, per i motivi che tutti conosciamo.
    Ora attacca molto centralmente, in palleggio, come fanno tutti i più forti e può usare tutto il suo immenso arsenale tecnico.
    Ha 21 anni ed è un two way player al terzo anno, Giannis ha raggiunto statistiche analoghe a 22 al quarto anno NBA (in una squadra dove non c’erano altri 3-4 giocatori da 20 pts a partita).
    Ora Jayson si godrà il suo primo meritatissimo all star game.

    • Mauro

      14/02/2020 12:19

      Ottava vittoria per i thunder???? Veramente venivano da due sconfitte di fila con spurs e celtics. Dove sono queste otto vittorie?

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Risultati NBA