Seguici su

Denver Nuggets

NBA, Malone attacca i suoi: “Sono deluso, siamo solo bravi a parlare”

Dopo i proclami estivi l’allenatore vuole risposte sul campo dai suoi giocatori

La sconfitta contro New Orleans ha portato non pochi malumori in casa Denver Nuggets: dopo le prime tre vittorie consecutive, sono arrivate due sconfitte, l’ultima arrivata contro i Pelicans ha mandato su tutte le furie il coach Michael Malone.

Queste le parole dell’allenatore dei Nuggets:

“Il nostro sforzo in difesa è stato imbarazzante. Possiamo parlare di regole difensive tutto il tempo che vogliamo, ma alla fine la transizione difensiva si riduce a una singola cosa: correre, tornare indietro. Noi non abbiamo fatto niente di tutto ciò.”

Le critiche di Malone sono indirizzate in particolare modo al gruppo dei titolari, accusati dal proprio allenatore di aver poco spirito di sacrificio e di non avere la giusta intensità di gioco:

“Sono deluso e imbarazzato dal tipo di sforzo messo in campo dal nostro quintetto titolare: pochissima energia, al contrario delle nostre riserve che appena chiamati in causa si sono impegnati al massimo. Anche i titolari dovrebbero giocare in questo modo, ma al momento non è così.”

Michael Malone ha chiesto ai suoi giocatori di dimostrargli la loro voglia di vincere, prendendo come esempio Mason Plumlee:

Mason è un giocatore modello: è il primo in panchina a incitare i compagni e quando entra in campo dà il 1000%. Questo è l’atteggiamento di uno che vuole vincere: siamo stati bravissimi a parlare, soprattutto a inizio stagione, ma per vincere contano i fatti e voglio che i giocatori mi devono dimostrare in campo di voler vincere.”

A coach Malone ha provato a replicare Nikola Jokic, dicendo che alcune volte il problema risiede nella scarsa comunicazione difensiva:

“A volte è una questione di sforzo, ma a volte anche di comunicazione difensiva da migliorare, o di palle perse da evitare. Non è solo un problema di sforzo”

Se le parole di Malone daranno una scossa ai Denver Nuggets lo vedremo domenica nella partita contro gli Orlando Magic. 

 

LEGGI ANCHE: 

NBA, Kevin Durant ammette: “Il diverbio con Green uno dei motivi dell’addio ai Warriors”

I migliori costumi di Halloween delle Star NBA

NBA, Gli Warriors non vogliono tankare dopo l’infortunio di Curry

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Denver Nuggets