Seguici su

Curiosità

NBA, Antetokounmpo e la passione per i LEGO

Una curiosità sulla stella dei Bucks e sul suo personale tempo libero.

Antetokounmpo

L’Nba è provante sia a livello fisico che psicologico. Le 82 partite di stagione regolare, viaggiando dal sud della California al nord del Minnesota, sono un quantitativo davvero elevato di gare che mette a dura prova la tenuta degli atleti i quali, seppur pagati a suon di milioni, si trovano spesso sotto una considerevole pressione.

Qual è la valvola di sfogo dei campioni d’oltreoceano? Una domanda che i più curiosi si saranno posti più di una volta. Recentemente a parlare erano stati i vari Lonzo Ball, Ben Simmons e Andre Drummond che avevano rispettivamente dichiarato il loro debole per le serate passate sul divano di casa tra una partita a “Fortnite” ed un match virtuale di NFL a “Madden”.

Questa volta ad esprimersi, in maniera categorica, è stato il fresco MVP della lega, Giannis Antetokounmpo. Il greco è uscito allo scoperto ed ha ammesso il suo amore per i “LEGO Games”:

“Potrebbe sembrare banale ma devo ammettere che gioco un sacco ai LEGO Games. Sono davvero molto divertenti, puoi essere un supereroe LEGO e fare di tutto nel gioco. Fantastica è, in particolar modo, la versione Indiana Jones LEGO.”

E seppure possa risultare strano immaginare una stella del calibro di “The Greek Freak” in una situazione del genere, bisogna ricordare che i campioni NBA sono ragazzi comuni con le loro passioni al di fuori del parquet che coltivano, chi più chi meno, durante il proprio tempo libero.

Una curiosità probabilmente sconosciuta ai più che contribuisce però a dare un’idea del personaggio che si cela dietro quella casacca col numero 34 dei Milwaukee Bucks. Una cosa è certa però: quest’estate Antetokounmpo non avrà tempo per oziare davanti allo schermo con il suo gioco preferito. I Mondiali in programma per fine Agosto sono alle porte e l’obiettivo per la sua Grecia non può che essere quello di arrivare più in alto possibile. Le innumerevoli rinunce dei suoi colleghi americani hanno equilibrato le sorti della competizione e permesso a tutti di sognare per questo FIBA Cina 2019.

 

LEGGI ANCHE:

NBA, Carmelo Anthony e quel finale romantico

Le mirabolanti avventure di J.R. Smith

NBA, Dirk Nowitzki confessa: “Non avrei voluto ritirarmi, ma i problemi fisici mi hanno costretto a farlo”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Curiosità