Seguici su

Golden State Warriors

NBA, Klay Thompson sarà disponibile per Gara 4

La guardia tornerà abile e arruolabile già nella prossima partita.

Il numero 11 dei Golden State Warriors sarà disponibile e partirà in quintetto nella decisiva gara 4 contro i Raptors di queste NBA Finals 2019.

Secondo quanto rivela Chris Haynes di Yahoo Sports la guardia sarà regolarmente a disposizione di Coach Kerr nell’imminente quarto atto di questa serie.

Reduce da un problema all’inizio del quarto periodo nella gara 2 della Scotiabank Arena, Klay Thompson era stato risparmiato dallo staff medico della franchigia californiana per evitare ricadute che avrebbero peggiorato e compromesso la presenza nelle successive partite, seppure il giocatore di Los Angeles aveva chiesto espressamente di voler prendere parte alla contesa.

Probabilmente nella Bay Area si faceva fin troppo affidamento sulle doti realizzative di Curry che ha sì inciso incredibilmente in gara 3 con 47 punti, suo massimo in carriera nei Playoff, ma non è riuscito a portare i Dubs alla vittoria.

Il centro Looney invece sarà assente per tutta la serie con Toronto come aveva affermato Steve Kerr qualche giorno fa.

Il punto interrogativo rimane su KD che è anche probabilmente il giocatore più importante tra questi. Durant non ha ancora ottenuto il lascia passare dai medici e nonostante da San Francisco giungano indiscrezioni positive bisogna ancora aspettare le ufficialità del caso.

Delle fonti vicine all’ex giocatore degli Oklahoma City Thunder intanto rivelano quanto questo infortunio stia “uccidendo” letteralmente Durant che non vede l’ora di poter dare il proprio apporto in campo.

Questa sarà l’ultima partita nella Bahia prima di spostarsi nuovamente in Ontario e Golden State non può permettersi di dare un vero e proprio match point ai Raptors.

Non è realmente una partita da dentro o fuori ma siamo davvero vicini a quei livelli. E possiamo quindi immaginare che in molti, nelle fila dei californiani, giocheranno da win or go home per combattere anche la cattiva sorte che è stata un leitmotiv di questa post-season.

 

LEGGI ANCHE:

NBA, Danny Green: un “animale” a sangue freddo

NBA, Il motto virale di Kawhi Leonard

NBA, Il leader motivazionale di Golden State: Kevin Durant

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors