Seguici su

Primo Piano

La guida definitiva alle esultanze in stile NBA

Quindici esultanze di giocatori NBA applicate alla vita di tutti i giorni

14. La “Crank it up”

Da utilizzare se volete esultare come: Vince Carter

Qui bisogna sentirsi degli incompresi. Vince Carter esulta spesso ruotando i polsi dal basso verso l’alto: per molti assomiglia al movimento usato per dare gas a una moto. NO. Vince Carter non sta dando gas a un bel niente; o meglio, lo sta facendo, ma ad andare su di giri non è il motore di una moto, ma il suo fisico: ci sta dando dentro. Lo ha spiegato lo stesso VC qui.

La differenza fra le due cose è sottilissima, d’altra parte molte incomprensioni nascono da interpretazioni simili – ma che in realtà in qualcosa sono totalmente differenti, ed è fondamentale comprenderla. Dare gas a una moto significa riporre tutta la fiducia che si ha nelle proprie azioni su un veicolo su due ruote; darci dentro vuol dire mettere tutta quella fiducia in sé stessi e voler dimostrare a tutti quanto si è bravi nel farlo. Quindi, a seconda del contesto, potete muovere i polsi lentamente nel caso in cui vogliate far capire a tutti che avete la situazione sotto controllo, oppure con una sola mano, in alto, velocemente; insomma, come più preferite.

Tenetelo bene a mente quando la userete: starà poi a voi decidere se passare per degli incompresi che danno gas a una moto o spiegare tutte le volte che invece significa che ci state dando dentro.

Situazione della vita quotidiana in cui utilizzarla: qui potete scegliere se essere volgari con i vostri amici e vantarvi della conquista in discoteca della notte prima, oppure se essere più pacati e usarla per dire che vi state impegnando per raggiungere un risultato. L’esultanza è più o meno sempre quella, è il contesto a dare il significato preciso

Punti creatività: 5/10

Punti fiducia in sé stessi: 9/10

Punti centro dell’attenzione: 7/10

Punteggio totale: 21/30

 

 

13. Il tiro con l’arco

Da utilizzare se volete esultare come: Jamal Murray, Wesley Matthews

Questa è per chi si considera un aficionado di Robin Hood, di Legolas o più in generale dalle movenze degli arcieri. Basta infatti fingere di reggere un arco con il braccio sinistro, mentre con quello destro prendere una freccia dall’immaginaria custodia posizionata dietro la schiena, per poi aprire la mano fingendo di scoccarla. Dopo una tripla dalla lunga distanza al campetto fa sempre il suo effetto.

Situazione della vita quotidiana in cui utilizzarla: in qualsiasi occasione vogliate far capire che avete colto nel segno

Punti creatività: 7/10

Punti fiducia in sé stessi: 7/10

Punti centro dell’attenzione: 7/10

Punteggio totale: 21/30

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Primo Piano