Seguici su

News NBA

NBA, Elton Brand avrebbe proposto alla dirigenza di Philadelphia la cessione di Ben Simmons

Il giocatore, nonostante abbia confermato le cifre della scorsa stagione, ha avuto una rendimento e un atteggiamento alternante

I Philadelphia 76ers per una cosa o per un altra sono spesso al centro dell’attenzione: vuoi perché con le trade di questa regular season sono potenzialmente una candidata al titolo della Eastern Conference, vuoi perché all’interno dello stesso roster sono presenti delle personalità potenzialmente esplosive e vuoi perché anche il futuro della squadra dalla prossima stagione sono un grosso punto interrogativo.

Dando per assodato il fatto che molto passera dai rinnovi o meno degli ultimi due arrivati Jimmy Butler e Tobias Harris, entrambi in scadenza e per cui la franchigia sembra essere disposta a fare dei sacrifici economici per poter continuare ad avere uno start power di altissimo livello.

Joel Embiid è ovviamente il fulcro su cui si poggia il presente e il futuro dei Philadelphia 76ers: il prodotto dei Kansas Jayhawks, nonostante qualche problema fisico che lo sta condizionando nell’ultimo periodo, ha giocato la sua migliore stagione chiudendo la regular season con 27.5 punti, 13.6 rimbalzi, 3.7 assist e 2 stoppate di media. La squadra non può fare a meno della propria superstar.

Chi invece nell’ultimo periodo è finito spesso sul banco degli imputati è Ben Simmons, 1° scelta al Draft del 2017, miglior rookie della scorsa stagione, giocatore di nuova generazione con però degli evidenti limiti tecnici che rischiano spesso di compromettere il sistema di gioco e le spaziature della squadra (nonostante una stagione in cui ha confermato i numeri della scorsa).

Per questo motivo e per una sua presunta insofferenza a lavorare in palestra per migliorare le proprie lacune, il GM della squadra Elton Brand avrebbe chiesto alla dirigenza dei 76ers se fosse possibile aprire ad una cessione del prodotto di LSU, ricevendo però una risposta negativa. Secondo i Sixers Ben Simmons è assolutamente incedibile anche se la controfferta fosse uno dei migliori giocatori della lega con Anthony Davis.

La squadra di Brett Brown sarà impegnata questa notte nella Gara 3 contro i Brooklyn Nets, da vedere quale versione di Ben Simmons scenderà in campo: quella opaca di Gara 1 o quella super aggressiva che ha fatto a fette la difesa dei Nets in Gara 2.

 

Leggi anche:

NBA, Ray Allen sfida Steph Curry: tiratori a confronto

NBA, Doc Rivers: “Non siamo qui per vincere una sola partita”

NBA, Mike Malone sulla rimonta dei suoi Nuggets: “Gli ho ricordato ciò che hanno fatto i Clippers”

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA