Seguici su

Golden State Warriors

NBA, Curry ritorna da sesto uomo d’eccezione

Curry torna in campo e fa impazzire la Oracle Arena, 28 punti e 2-0 nella serie

 Curry is back. 

Dopo l’infortunio al legamento collaterale del ginocchio occorso il 23 marzo che gli ha fatto saltare tutto il primo turno di Playoff, Steph Curry è tornato a giocare nella Gara 2 vinta dai suoi Warriors per 121-116 sui New Orleans Pelicans.

Il due volte MVP parte dalla panchina e chiude il match con 28 punti, 5-10 da tre punti e 7-7 ai liberi, 7 rimbalzi e un Plus/Minus di +26 in 27 minuti di impiego.

“Il nostro pubblico è assurdo. In ogni occasione sono pronti per supportarci e creare quel vantaggio del giocare in casa su cui facciamo affidamento, questo è davvero importante per noi.”

Queste le parole del #30 dei Warriors che è entrato in gioco con 4:20 sul cronometro del primo quarto fra l’euforia della Oracle Arena. Curry è stato “dosato” da Steve Kerr durante il match per motivi precauzionali, ecco perché si è ritrovato come sesto uomo ed è entrato in campo solo nella seconda metà della prima frazione di gioco.

L’attesa “mi è sembrata un’eternità” ha detto Steph, ansioso di ritornare a giocare con i suoi compagni.

Entra in campo accolto da una standing ovation del suo pubblico. Seconda volta in carriera che entra dalla panchina nella post-season e punteggio più alto ottenuto da una riserva dei Warriors in questi Playoff.

Coach Kerr ha commentato semplicemente l’ingresso in campo del suo pupillo:

“È stato un momento speciale.”

Anche Draymond Green ha commentato l’ingresso in campo di Curry ai microfoni di ESPN:

“È stato piuttosto rumoroso. C’era solo lui che camminava sul parquet. C’era una sorta di elettricità lì dentro e segnare quella tripla così presto ha portato molto entusiasmo nell’arena ed ha animato gli spiriti.”

Sono bastati 11 secondi per segnare la prima tripla di giornata che ha mandato il pubblico in visibilio.

“Ci sono voluti solo 11 secondi? Wow. Non lo sapevo. Ma quando ha lasciato le mie mani sapevo che era dentro.

È stato fantastico. Ero davvero desideroso di tornare con i miei compagni e fare ciò che amo fare. Ritornare qui sul campo, giocare un po’ di basket da Playoff ed ottenere una grande vittoria, è stato grandioso. Belle sensazioni. La folla era impazzita ed ovviamente abbiamo fatto ciò che era necessario in queste prime due partite della serie.”

Lo splash brother, Klay Thompson, ha affermato:

“Ci è mancato e sono felice che siamo stati in grado di andare ottenere una strisci di 5-1 in sua assenza. È bellissimo averlo di nuovo con noi.”

Con i Warriors avanti 2-0 e Curry di nuovo fra le fila dei californiani la situazione si complica per Anthony Davis e compagni che dovranno cercare di ottenere una vittoria in Gara 3 per rimanere a galla e giocarsela in Gara 4. La buona notizia è che la serie si sposta a New Orleans dove i padroni di casa possono esprimersi al meglio e cercare di rispondere alla corazzata di coach Kerr.

 

Leggi anche:

NBA Playoff Preview: Golden State Warriors – New Orleans Pelicans

Risultati NBA: LeBron James non cede lo scettro. Steph Curry si riprende Golden State!

NBA, Klay Thompson e il messaggio ai tifosi

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors