Seguici su

All Star Game

Westbrook: “Non capisco l’esclusione di Paul George”

L’MVP critica la mancata convocazione del compagno dall’ASG

Russell Westbrook è e starà sempre dalla parte dei propri compagni di squadra, come lo dimostrano le sue recenti dichiarazioni sull’All-Star Game.

L’MVP in carica infatti, una volta realizzato dell’esclusione di Paul George dalle riserve per l’All-Star Game, si è rivolto alle telecamere con parole pesanti riguardo al metodo di selezione.

“Questo è davvero inconcepibile. Penso sia oltraggioso. Non ho idea di chi altro sia stato nominato, ma ci sono quattro giocatori della stessa franchigia. Inoltre ci sono giocatori che si lamentano con i giornalisti fino a che non vengono convocati e altri che ne parlano ogni giorno. Mentre i giocatori che meriterebbero maggiormente la convocazione non ci sono. Non capisco. Tutto questo non ha senso.”

Il leader dei Thunder con queste parole ha voluto mandare una frecciatina ai rivali Golden State Warriors, dove gioca il suo ex compagno Kevin Durant, e a Damian Lillard, il quale mancava alla manifestazione dal lontano 2015.

 

Leggi anche:

Risultati NBA: LeBron da record (e che record!) ma i Cavs inciampano ancora. Male anche Boston, OK(C)

Tyronn Lue furioso dopo la sconfitta: “Modificherò il quintetto”

Hornets, Jordan è pronto a far partire Walker solo in cambio di un All-Star

Commento

Commento

  1. Luchinho87

    24/01/2018 13:27

    Ha ragione Westbrook, però secondo me dovrebbe esserci un limite ai giocatori di ogni squadra, sono 24 i giocatori totali? dovrebbe essercene massimo 1 per squadra in modo che tutti abbiano la possibilità di vedere un proprio giocatore in gioco, almeno per gli starters.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in All Star Game