Seguici su

Cleveland Cavaliers

Cleveland Cavs su DeAndre Jordan e Lou Williams. Nel mirino anche George Hill

I vice-campioni NBA sembrano fortemente intenzionati a portare nuovi talenti in quel dell’Ohio prima della trade deadline

La possibilità di una trade sembra ormai scontata a Cleveland, specialmente dopo il difficile mese appena trascorso, in cui i campioni della Eastern Conference hanno vinto solamente 3 delle ultime 10 partite giocate.

Secondo Marc Stein del New York Times, il principale obbiettivo dei Cavaliers resterebbe ad oggi DeAndre Jordan. Il centro dei Los Angeles Clippers, reduce da un All-Star Game nel 2017, potrebbe indubbiamente aiutare la scarsissima difesa dei Cavs (attualmente 28esima per efficienza) specialmente nei pressi del ferro e nelle voci stoppate/rimbalzi/palle rubate. Nonostante infatti sia la sua decima stagione NBA, Jordan si sta nuovamente confermando come uno dei migliori difensori e rimbalzisti della lega, catturando la bellezza di 14.9 rimbalzi (2nd) conditi con 11.8 punti e una stoppata di media a partita.

Le discussioni tra Cavs e Clippers però non sono finite qui. Nel piatto ci sarebbe infatti anche Lou Williams, per il quale i Cavaliers avrebbero offerto un pacchetto di giocatori composto da JR Smith e Tristan Thompson. La proposta di trade, confermata poi da David Aldridge di TNT, sarebbe però attualmente in stallo. La franchigia di Los Angeles infatti vorrebbe fosse inclusa nel pacchetto anche la scelta al primo turno al Draft dei Brooklyn Nets, ottenuta dai Cavs nello scambio Irving-Thomas. Chissà se i 23.2 punti di media a partita del Mago Lou saranno sufficienti per far includere la pick all’interno dello scambio, sempre che i Clippers decidano di cedere davvero il loro numero 23.

Infine, a casa LeBron James si parla anche del possibile arrivo di George Hill, guardia dei Kings ed ex-Indiana Pacers. Nonostante il super contratto da 57$ milioni in tre anni firmato con Sacramento la scorsa estate, Hill non sarebbe soddisfatto dell’attuale contesto di squadra (in totale fase di rebuilding), essendo dunque più che propenso a cambiare aria prima del prossimo febbraio. Nelle 37 partite giocate in stagione, il play dei Kings viaggia a 10.5 punti, tre rimbalzi e 2.7 assist di media a partita, con un eccellente 45.6% dalla lunga distanza.

 

Leggi anche:

LeBron sulle difficoltà dei Cavs: “Siamo fragili”

Coach Tyronn Lue su Kevin Love

Commozione cerebrale per Kris Dunn

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Cleveland Cavaliers