Seguici su

Risultati NBA

Risultati NBA: chi ferma Harden e Paul? DMC+Brow sono troppo per il Greco Solitario. Celtics travestiti da Warriors

Hornets senza risposte per il duo di superstar dei Rockets. OKC batte Indiana. Bene anche Celtics, Raptors e Bulls, tra le altre.

Orlando Magic (11-18) – Los Angeles Clippers (11-15) 95-106

I Clippers crescono, i Magic colano a picco. Partita segnata dalle assenze più che dai presenti in campo: LA ha fuori Danilo Gallinari e i lungodegenti Blake Griffin e Patrick Beverley; Orlando è senza Aaron Gordon, Evan Fournier, Terrence Ross, Jonathan Isaac e Arron Afflalo. I quintetti sono per forza di cose insoliti: i Clippers schierano ala titolare Jamil Wilson; i Magic rispondono con Mario Hezonja e Wesley Iwundu nello starting five. La gara inizia col team della Florida che sembra poter controllare – sulla scia di un primo quarto da 24-12 – e i Clippers tenuti a 8 canestri realizzati sui primi 30 tiri. Poi arriva il parzialone targato Lou Williams e Austin Rivers: LA spara un 24-7 sul finire della seconda frazione e chiude il primo tempo sul 45-40. Nikola Vucevic riporta avanti i suoi sul 55-54, ma i Clippers risorpassano subito con un canestro di Williams e da lì in poi veleggiano sui 15 punti di vantaggio fino al termine, senza mai rischiare davvero di essere ripresi. Il migliore in campo è proprio Sweet Lou, che chiude con 31 punti e 8 assist e il plus/minus numero uno di squadra (+13). Bene anche DeAndre Jordan con 16 punti e 20 rimbalzi. I Magic vengono battuti a rimbalzo (51-45) e tirano male: 42% dal campo, 33% da tre (9-27) e 57% dalla lunetta (12-21). Buona prestazione di Jonathon Simmons (20 punti, 6 rimbalzi e 8 assist) e convincente anche Hezonja (17 e 9 rimbalzi). I Clippers, zitti zitti, sono a una partita e mezzo dalla zona playoff (3 vittorie in fila); i Magic hanno perso la bussola e sono terzultimi nella Eastern Conference (3 sconfitte di seguito).

Washington Wizards (15-13) – Memphis Grizzlies (8-20) 93-87

Partita non entusiasmante tra due squadre all’interno di momenti non esattamente idilliaci. I Wizards  ritrovano il condottiero John Wall dopo nove partite (4-5 di record senza il play); i Grizzlies hanno fuori Mike Conley, Tyreke Evans, Brandan Wright e Wayne Selden e vengono da 4 sconfitte consecutive. Il primo tempo finisce su un desolante 41-29 (season-low per Memphis). La squadra del Tennessee va in vantaggio una sola volta nell’intera partita (67-65 di James Ennis nell’ultimo quarto), poi un parziale di 13-0 per Washington chiude la contesa, coi Grizzlies che rimangono in contatto ma non riescono a capovolgere l’inerzia del match. Miglior realizzatore di serata è la guardia di Memphis Andrew Harrison con 20 punti. Washington manda 6 giocatori in doppia cifra (Beal 18, Porter 14, Wall 13, Gortat 12, Oubre 11, Scott 10) e ha buone percentuali dall’arco (41%; 9-22). Wizards sesti a Est, Grizzlies ultimi a Ovest.

Precedente1 di 5
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Risultati NBA

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.