Seguici su

Houston Rockets

Affare-Melo, anche i Bucks coinvolti nella trade tra Knicks e Rockets?

Anthony vuole raggiungere Harden e Paul a Houston, ma i Rockets sin qui non hanno trovato l’accordo coi Knicks

Melo

Negli USA danno la trade che dovrebbe portare Carmelo Anthony a trasferirsi dai New York Knicks agli Houston Rockets come probabilissima. Secondo ESPN, nelle ultime ore sarebbero entrati nel discorso anche i Milwaukee Bucks, che potrebbero aiutare Knicks e Rockets a far tornare i conti.

TRADING PLACES

Il rapporto umano e sportivo tra Melo e lo staff dei Knicks si è sostanzialmente esaurito. L’ala sarebbe intenzionata a cancellare la propria preziosa no-trade clause per raggiungere James Harden e Chris Paul e costituire i nuovi Big Three nella Western Conference, idealmente in grado di rivaleggiare con i Big Four dei Golden State Warriors (con l’apporto anche di Trevor Ariza, Eric Gordon e Clint Capela).

I Rockets sarebbero disposti a sacrificare Ryan Anderson – e il suo contrattone da 60 milioni di dollari per 3 anni – che finirebbe proprio a Milwaukee in questa nuova versione della trade. I Bucks girerebbero il promettentissimo – ma perennemente infortunato – Jabari Parker ai Knicks e ne approfitterebbero per liberarsi di un contratto ingombrante (Greg Monroe o John Henson).

L’inserimento dei Bucks potrebbe sbloccare lo scambio, che si era arenato negli ultimi giorni perché i Knicks reputavano non soddisfacenti gli asset dei Rockets nell’ambito di una trade a due. Attesi sviluppi a ore.

MERCATO NBA

 

Commento

Commento

  1. harper#12

    06/09/2017 15:45

    Per me a rimetterci sarà D’Antoni e il suo gioco….già quando arrivò a New York da Denver i Knicks che stavano giocando bene cambiarono volto e il coach ebbe i giorni contati, temo per i Rockets che accadrà lo stesso. Ma Harden che non avrà più il pallone in mano a favore di CP3 e dovrà anche accontentare il famelico Antony(uno che mette assieme buone cifre con tanti isolamenti e possessi)come la prenderà?
    Personalmente la moda dei Big Three(o four) non necessariamente si può applicare a tutto, certo meglio avere ottimi giocatori che non averli, ma conta tantissimo se sono combinabili assieme.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Houston Rockets