Seguici su

New York Knicks

Shaq difende l’attacco triangolo: “I giocatori si devono adattare”

Shaquille O’Neal è stato protagonista dei Lakers di Phil Jackson, e per questo dell’attacco triangolo qualcosa ne sa. Così si è espresso sul triangolo che tentano di giocare i Knicks

Shaq nel triangolo di Jackson e dei suoi Lakers era una pedina fondamentale. Così come lo era chiunque fosse in campo in quella squadra. Nelle squadre che attaccano col triangolo ogni giocatore è fondamentale nel sistema. E’ un sistema che livella le gerarchie di importanza dei giocatori, rendendo questi tutti necessari ma nessuno più importante di nessun’altro.

Una squadra che gioca, o per lo meno prova a giocare, l’attacco triangolo sono i Knicks di Hornacek. Su di loro Shaq ha speso due parole:

Il triangolo funziona. Quando sei un giocatore sei abituato a giocare in una certa maniera, a nessuno piace cambiare le proprie abitudini di gioco. Nel triangolo la palla non si deve fermare mai. Solo così può funzionare“.

Tra le righe forse si può scovare una frecciata a uno che le proprie abitudini offensive (ovvero fermare la palla) non le ha cambiate mai: Carmelo Anthony. Ma il problema dei Knicks è più generale, infatti Shaq invita ad osservare come le riserve dei Knicks giocano in attacco:

Guardate come le riserve dei Knicks, ragazzi con poca esperienza e poche aitudini specifiche, riescano a giocare bene il triangolo trovando soluzioni interessanti“.

L’applicazione mentale, il sacrificio e l’altruismo sono alla base di un attacco così sofisticato, per Shaq, i giocatori dei Knicks non sono adatti ad interpretare questo sistema offensivo anche se le premesse ad inizio stagione si basavano sui buoni auspici:

Guardando il quintetto mi sono detto, sono ok per giocare il triangolo. Ma ripeto, la palla non deve fermarsi“, continua Shaq “ma i giocatori sono testardi, anche noi alle prime partite non facevamo risultato ma poi mi sono guardato allo specchio e mi sono detto: forse sei tu il problema. Mi piaceva tenere la palla in mano, così mi sono imposto di cambiare modo di giocare e alla fine i risultati sono arrivati“.

 

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in New York Knicks

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.