Seguici su

News NBA

Metta: “Querelle Melo-Phil? Quello che serviva ai Knicks”

Il dualismo in casa newyorkese tra Anthony e Jackson è uno degli argomenti del momento in tutta la Lega, l’ex Ron Artest dice la sua

metta

Metta World Peace è nella fase calante della carriera ma il suo ruolo da chioccia nella spogliatoio dei Los Angeles Lakers è molto importante al fine della crescita dei giovani di coach Luke Walton. Inoltre vive il mondo NBA dal lontano 1999 ed è un ottimo conoscitore dei maggiori personaggi che compongono la Lega, di uno in particolare che lo ha allenato e con cui ha vinto anche un anello ovvero Phil Jackson.

Metta ci ha convissuto, quando ancora si chiamava Ron Artest, nella cavalcata che ha portato i gialloviola a trionfare in gara 7 delle NBA Finals 2010 contro i Boston Celtics. Il prodotto di St. John’s conosce bene i metodi e la dialettica del plenipotenziario dei New York Knicks, al centro di un botta e risposta continuo nelle ultime settimane con la stella della franchigia, Carmelo Anthony.

I due non sono mai entrati in sintonia ma soprattutto nell’ultimo periodo le frecciate scambiate a vicenda stanno diventando dei veri e propri siluri che potrebbero intaccare l’ambiente newyorkese. Per Metta invece è il contrario, questa situazione porterà solo benefici: ecco le sue parole rilasciate a Marc Berman del New York Post.

Phil è uno che cerca sempre di stimolarti, vuole vedere a che punto sei a livello mentale. E Melo sta rispondendo bene: ho seguito le vicende degli ultimi giorni, Melo non si è mai tirato indietro e ha detto sempre quello che pensava. Ho apprezzato il fatto che non sia arretrato di un centimetro. È grandioso, questa controversia è quello che serviva ai Knicks ed è quello che serviva al Madison Square Garden. Quando giocavo lì qualche anno fa, c’era tensione ma allo stesso tempo una situazione di stallo. Ora invece questo scossone ha fatto bene a tutti: ai tifosi, alla squadra che è partita male ma ora sta andando meglio, a Melo che ha risposto al meglio e sta giocando meglio anche lui. Ho visto alcune sue gare di recente: sta giocando più con gli altri, meno in isolamento, sta giocando meglio. Con Phil è così: all’inizio il rapporto è difficile ma poi nel lungo periodo tira fuori il meglio di te. Lo so bene: mi sono scontrato con lui un sacco di volte in allenamento, però sapeva toccare le corde giuste e io mi allenavo come non mai per dimostrare chi fossi, sa entrarti sotto la pelle. Credo che Melo più avanti apprezzerà Phil così come l’ho apprezzato io.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA