Seguici su

Ufficialità

Wes Matthews approda ai Dallas Mavericks

Dopo la trade messa in piedi ieri dai Kings con i Sixers al fine di liberare spazio per firmare qualche free agent (leggi qui i dettagli dello scambio), Adrian Wojnarowski aveva subito avvertito i tifosi californiani:

Sacramento can clear cap space, but Kings are starting to understand: They’ll have to overpay to bring players into that chaotic situation.

— Adrian Wojnarowski (@WojYahooNBA) 2 Luglio 2015

E come spesso gli accade l’insider di Yahoo è stato a dir poco profetico: perso quasi subito Monta Ellis (leggi qui dov’è finito l’ex guardia dei Mavs) dopo essersi visti rifiutare un contratto più vantaggioso, nella notte è stato invece il turno di Wesley Matthews rimandare al mittente le sirene californiane.

Leggi anche: Tim Duncan rimane ancora agli Spurs

La guardia dei Blazers infatti durante la notte italiana ha raggiunto un accordo con i Dallas Mavericks, che trovano quindi subito il sostituto del partente Monta Ellis, sulla base di un quadriennale, che secondo le prime indiscrezioni dovrebbe chiamare circa 13 milioni di dollari a stagione (52 totali dunque). Beffati dunque di nuovo i Kings, che avevano offerto addirittura 64 milioni di dollari sempre spalmati in 4 anni: evidente quindi la scelta del giocatore di rinunciare a ben 12 milioni per giocare subito in un contesto vincente.

Leggi anche: Wade rimane a Miami

Dopo aver perso un giocatore chiave come Ellis, Dallas non resta quindi con le mani in mano e si porta a casa uno dei sempre più rari “3&D” (3-pointer & defender) della Lega, in grado probabilmente di essere meno pericoloso offensivamente del predecessore ma anche di dare molta solidità in più nella propria metà campo. Gli unici dubbi riguardano le condizioni fisiche di Matthews dopo il grave infortunio al tendine d’Achille da cui sta ancora recuperando; ma viste le sostanziose offerte piovute sul prodotto da Marquette queste condizioni non sembrano essere poi così preoccupanti.

LEGGI TUTTE LE NEWS DI MERCATO

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Ufficialità