Seguici su

L.A. Clippers

Risultati NBA, ai Clippers basta il primo tempo per regolare la pratica Pistons

Poco da fare per Detroit, i Clippers convincono anche con un Paul George opaco

Nella prima partita della serata, i risultati NBA ci offrono una gara dominata a lunghi tratti dai Clippers che prendono velocemente le misure sugli avversari e battono i Detroit Pistons portandosi al quinto posto a Ovest. In una partita in cui Paul George fatica a trovare la forma giusta, segnando al tabellino solamente 12 punti, 4 assist e 5 rimbalzi, ci pensano gli altri a guidare la squadra.

La prima frazione di gioco comincia subito bene per i padroni di casa, con Eric Bledsoe che va a segno con una sequenza di tiri da fuori; l’ex giocatore di Bucks e Pelicans totalizza addirittura 11 punti nei primi cinque minuti.

Eric Bledsoe vicino ai 10000 punti, grandi prestazione di Terance Mann e Reggie Jackson

Dall’altra parte ci si aspetterebbe una reazione da parte della prima scelta al Draft, Cade Cunningham che però va presto incontro ad un problema di falli, commettendone due consecutivi. I Clippers ne approfittano per attaccare spesso quello che è inevitabilmente il lato debole del campo, prendendo vantaggio e chiudendo il primo quarto per 30-18.

Per i Pistons tanta intensità ma davvero poca qualità con il solo Jerami Grant a raggiungere quota 20 punti. La squadra si sforza di trovare un gioco fluido e che possa portare equilibrio all’attacco; l’assenza di Killian Hayes e un Cunningham ancora discontinuo mettono i Pistons nella condizione di dover cercare un playmaker di riserva al più presto.

Nel secondo quarto salgono in cattedra Terance Mann, autore di una doppia doppia da 16 punti e 10 rimbalzi e soprattutto, Reggie Jackson che risulterà essere il migliore dei suoi, segnando 21 punti, conditi da 4 assist e 4 rimbalzi. Si va all’intervallo sul punteggio di 64 a 40 per i Clippers e la forte sensazione che la partita abbia già fornito tutta la competizione disponibile.

Il secondo tempo di gioco è una sorta di fotocopia del primo, con i losangelini che continuano a dominare in lungo e in largo, potendosi addirittura permettere di rifiatare nell’ultima frazione di gioco. I Pistons si riaffacciano sulla partita solo negli ultimi minuti, rendendo la sconfitta un minimo meno amara.

La franchigia di Motor City perde la quinta partita consecutiva, raggiungendo Orlando a Est per il peggior record della lega. I Clippers si godono la propria rotazione profonda e la sensazione che con un miglioramento del gioco corale, in vista di un possibile ritorno in campo di Kawhi Leonard, la squadra potrebbe fare davvero paura a chiunque.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Clippers