Seguici su

Primo Piano

I 15 giocatori NBA più forti di sempre secondo ESPN

ESPN ha stilato la sua speciale classifica decretando i migliori atleti nella storia della Lega

Chi sono i giocatori NBA più forti di sempre? Questa domanda ci perseguita da tempo immemore e decretare i migliori atleti nella storia della Lega non è di certo cosa facile considerando l’evoluzione del gioco e le diverse ere in cui i principali campioni hanno dettato le loro leggi sul parquet. Come stabilire chi siano i 15 migliori giocatori? Una risposta ha provato a darcela ESPN. La famosa testata americana sportiva ha inquadrato quelli che sono in realtà i 75 atleti più forti di tutti tempi. Noi riprenderemo, invece, la loro speciale graduatoria partendo dalla posizione numero 15 fino a scoprire il GOAT.

 

15. Julius Erving

Statistiche Carriera: 24.2 PPG, 8.5 RPG, 4.2 APG

Una potenza della natura. Julius Erving è il primo giocatore a rientrare in questa particolare graduatoria dopo una carriera vissuta sopra il ferro con la maglia, tra le altre, dei Philadelphia 76ers con cui ha conquistato il suo primo e unico titolo NBA nel 1983. Nel 1981 fu eletto MVP della stagione, ma la squadra venne eliminata in Gara-7 delle finali della Eastern Conference contro i Boston Celtics. Erving ha viaggiato oltre i 20 punti di media per tutta la carriera, tranne nelle sue due ultime annate chiuse a 18.1 e 16.8 di media a partita. Un giocatore che ha sostanzialmente segnato la strada di diversi atleti. Uno su tutti, Michael Jordan, il quale in una intervista incoronò Erving come suo giocatore preferito:

“Senza Doctor J non sarebbe mai esistito MJ”

 

14. Kevin Durant

kevin durant

Statistiche Carriera: 27.0 PPG, 7.1 RPG, 4.1 APG, 1.1 SPG, 1.1 BPG, 1.8 3s PG

Non c’è bisogno di presentazioni per Kevin Durant. L’attuale stella dei Brooklyn Nets, inserito alla numero 14, è uno degli attaccanti più cristallini che la NBA abbia potuto ammirare nel corso della sua storia. Stiamo parlando di un 2.10 metri in grado di muoversi in campo come un playmaker e concludere a canestro in tutte le variabili possibili. Dopo una carriera vissuta con gli Oklahoma City Thunder, KD ha deciso di andare a prendersi 2 anelli con i Golden State Warriors, unendosi, non senza clamori, a Stephen Curry e Klay Thompson. Il 10 volte All-Star è stato anche 4 volte miglior marcatore della stagione NBA, una volta MVP della Lega (2013-2014) e 2 volte MVP della Finals.

Il futuro è ancora tutto da scrivere. Se sarà in grado di conquistare un titolo senza l’aiuto di altri campioni di prim’ordine, allora potrà ambire a scalare senza dubbio altre posizioni di questa graduatoria. Brooklyn può essere la squadra giusta? Solo il tempo riuscirà a darci delle risposte concrete.

 

13. Steph Curry

Statistiche Carriera: 23.5 PPG, 4.5 RPG, 6.6 APG, 1.7 SPG, 3.6 3s PG

A suo modo ha cambiato il modo di giocatore a pallacanestro. Inserito in un contesto di squadra dove il gioco perimetrale regna, Stephen Curry ha decisamente dominato un quinquennio (insieme a LeBron James) in cui è riuscito a portare a casa 3 titoli NBA, 2 MVP della Stagione e 6 presenze all’All-Star Game. Il nativo di Akron è anche uno dei migliori triplatori nella storia della Lega. Serve altro per descrivere il suo immenso talento?

Il classe 1988, dopo una stagione vissuta in panchina, non vede l’ora di tornare a calcare i parquet americani con un obiettivo: tornare a conquistare un anello per spingersi oltre i normali confini. Molto dipenderà anche da come si muoverà il front-office della sua franchigia durante la prossima estate. Se i pezzi si dovessero incastrare per l’ennesima volta, Golden State potrebbe tornare in fretta sulla cresta dell’onda. E con uno Steph Curry in più…

 

12. Hakeem Olajuwon

Statistiche Carriera: 21.8 PPG, 11.1 RPG, 1.7 SPG, 3.1 BPG

Scelto alla numero 1 nello stesso Draft di Michael Jordan, Olajuwon è stato senza mezzi termini una delle leggende più luminose degli Houston Rockets. In quasi vent’anni con la maglia dei Texani, Hakeem ‘The Dream’ ha avuto l’onore e l’onere di portarsi a casa 2 titoli MVP nell’era marchiata da Michael Jordan (sfruttando anche il suo primo ritiro), 1 titolo di MVP nel 1994 e 2 MVP delle Finals. In 3 occasioni è stato anche il miglior stoppatore della Lega. Uno che passa davvero ogni 15 anni.

Precedente1 di 7
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Primo Piano