Seguici su

News NBA

Accordo tra NBA ed NBPA: deadline per ridiscutere il contratto collettivo portata a settembre

Intervento sulla clausola ‘evento di forza maggiore’ attivata dalla pandemia

nba

Secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN, NBA e associazione giocatori (NBPA) hanno raggiunto l’intesa per un’estensione della finestra di trattative e discussioni nel merito del contratto collettivo, fissata dall’accordo vigente entro i sessanta giorni dalla notifica inviata dagli uffici della lega [art. XXXIX – sezione 5, d)].

Una scelta di buonsenso che permette alle parti di valutare con calma le ripercussioni della pandemia a tutti i livelli, in primis quello economico-finanziario. La finestra originale di 60 giorni avrebbe dovuto chiudersi questa settimana, ma ora sarà estesa fino a settembre.

L’allungamento di tale finestra offre alla lega e al sindacato più tempo per avere un quadro più chiaro delle conseguenze economiche che influenzeranno specialmente il Salary Cap NBA e la Luxury Tax. L’anno fiscale della lega termina solitamente il 30 giugno, ma con la regular season 2019-2020 ancora aperta, tutto rimane in discussione.

Leggi anche:

Chi è Scott Burrell: l’uomo spronato da Michael Jordan

 Michael Jordan spiega i motivi della rissa con Steve Kerr

Le 9 rivalità NBA tra giocatori più intense di sempre

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA