Seguici su

Charlotte Hornets

NBA, Nicolas Batum si scusa con Charlotte: “So di non valere i 120 milioni del mio contratto”

Nicolas Batum si vede lontano dai progetti futuri della franchigia

nicolas batum

In un’intervista ai microfoni della testata Charlotte ObserverNicolas Batum si è voluto scusare con i tifosi dei Charlotte Hornets per non aver rispettato le aspettative del suo contratto. L’accordo preso nel 2016, che prevede un salario di 120 milioni di dollari distribuiti in 5 anni, è stato la causa principale di tutto il malessere creatosi attorno a lui. A tal proposito Batum stesso ha dichiarato:

“Vorrei scusarmi con tutte le persone che avevano riposto fiducia in me. Non sono riuscito a ripagarla”.

Il contratto firmato con la franchigia non scadrà prima del 2021, ed è l’accordo più ricco mai stipulato nella storia dello sport professionistico a Charlotte. Dunque il giocatore non andrà da nessuna parte ancora per un po’ e per calmare le acque il francese si è detto consapevole della situazione:

“Questa franchigia ha davanti a sé un futuro radioso, ma non penso che ne farò parte”.

Nonostante Batum sia in perfetta salute, Coach James Borrego non lo fa scendere in campo dal 24 gennaio. Questo perché il piano della franchigia prevede di dare più spazio ai giovani talenti che costituiranno il futuro della squadra. Riguardo queste decisioni, il numero 5 degli Hornets ha detto nell’intervista:

Non voglio essere uno s*****o. Io non sono un’ egoista, non sono quel tipo di persona che dice ‘Stanotte tiro 25 volte fregandomi degli altri e del coach che fa schifo’, no. Non sono fatto così e non lo sarò. Non ne ho bisogno e neanche gli altri”.

Nel corso di questa stagione Batum ha fatto solamente 22 apparizioni, 19 delle quali partendo dalla panchina. Fino ad oggi ha giocato con una media di 3.6 punti, 4.5 rimbalzi e 3 assist a partita. Chiaramente i dati registrati dal giocatore non valgono le cifre del contratto.

 

Leggi anche:

NBA, Steph Curry: “É bello poter giocare con i propri compagni e poter guardare avanti”

NBA, Jeanie Buss incolpa D’Antoni: “Non aiutò Howard ad inserirsi”

NBA, nuovo soprannome per Brandom Ingram: ora si fa chiamare “Durag B.I.”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Charlotte Hornets