Seguici su

Mercato NBA 2019

Mercato NBA, Ricky Rubio più lontano da Utah: “Non sono più una priorità…”

Il play spagnolo sempre più lontano dalla franchigia che lo ha prelevato dai Minnesota Timberwolves

La stagione NBA, che si chiude ufficialmente con il draft del 20 giugno, volgerà al termine in meno di tre settimane e da quel momento si parlerà solo del mercato NBA.

Uno dei protagonisti della off-season (a quanto pare) sarà Ricky Rubio, playmaker spagnolo che milita negli Utah Jazz, sempre più interessati a ricostruire attorno a Donovan Mitchell e al centro francese Rudy Gobert. Proprio il focus della dirigenza verso questo duo porterebbe Rubio ad essere la pedina inevitabilmente da sacrificare, come confermato da lui stesso a Radio Catalunya:

“Utah mi ha fatto sapere che non sono la priorità numero 1” ha detto Ricky. “Dovrò quindi guardarmi in giro per capire le altre opzioni che ho.”

Parole che lasciano presagire la partenza, verso altri lidi, del play ex-Minnesota, ormai non più al centro di un progetto che ha visto Mitchell crescere e diventare la superstar della squadra nel suo secondo anno nella lega.

Rubio nell’ultima stagione in maglia Jazz ha segnato 12.7 punti, servito 6.1 assist e rubato 1.3 palloni nelle 68 partite in cui è sceso in campo. Numeri di cui Utah dovrà sapere di far a meno.

LEGGI ANCHE:
NBA, L’infortunio di Lowry è più serio del previsto
NBA Crossover: intervista a Marco Belinelli
NBA Finals, Stephen Curry: “Lasciare libero Iguodala una mancanza di rispetto”

Commento

Commento

  1. Giorgio

    04/06/2019 09:37

    E’ l’uomo giusto per I Celtics. Irving e’ dato quasi certo a Brooklin o Los Angeles e se e’ vero che ora Boston vuole costruire su Tatum e Brown, allora prendere in prestito per un anno o forse due Davis non e’ piu’ la priorita’. Salvo scambi clamorosi di Hayward e/o Horford, I Celtics non hanno lo spazio salariale per arrivare a Kemba Walker, difficile una sign and trade con Brooklin per Russell, ma c’e’ subito spazio per il play spagnolo, un giovane veterano passing-first, gia’ abituato a far crescere I giovanissimi, bravo a difendere e quando serve anche a guidare l’attacco. E’ perfetto per fare suo il gioco di Stevens e diventare l’allenatore in campo. E in panchina Isaiah.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Mercato NBA 2019