Seguici su

Chicago Bulls

NBA, Dwyane Wade svela: “Io e LeBron James stavamo per andare ai Bulls”

L’ex numero 3 dei Miami Heat ha svelato come nel 2010 si fosse messo d’accordo con LeBron James per provare a firmare con i Chicago Bulls

Lebron james e dwyane wade

Dwyane Wade e LeBron James insieme ai Chicago Bulls? Rimarrà tra le pagine di ciò che non è stato, ma quasi… Come confessato dallo stesso Wade, nel 2010 i due giocatori si erano messi d’accordo per unire le forze e provare a vincere il titolo NBA. Nella loro mente Miami non era la prima scelta: in cima alla lista dei desidera c’era di fatto Chicago. Ecco le parole di Dwyane che ha ripercorso tutte le varie tappe dell’incontro con LeBron James nell’estate della “Decision”:

“Non avrei mai pensato che io e LeBron potessimo finire per giocare insieme ma eravamo entrambi in un momento delle nostre carriere in cui volevamo qualcosa in più. Mi ricordo di essere andato nell’ufficio del mio agente e lui mi ha detto ‘Ehi, LeBron e Leon Rose (al tempo agente di James), vogliono fare una call con noi’. A quel punto ho detto a Bron ‘Ehi, che cos’hai in mente? Io ho in testa di vincere, tu?’. E lui ha risposto ‘Stessa cosa, facciamolo insieme!’ e da lì abbiamo cominciato la nostra ricerca”.

“Quando stavamo cercando di capire in quale città giocare o dove volevamo andare, abbiamo considerato ogni opzione. Abbiamo pensato a New York, ma era Chicago ad essere in cima ad entrambe le nostre liste. Avevano a disposizione due contratti al massimo salariale e giocatori molto interessanti come un giovane D-Rose, Luol Deng e Joakim Noah. E quindi mi sono detto: ‘Perché non Chicago, in uno dei mercati più grandi?” Perché non è andato in porto? La convivenza tra me e Rose sarebbe stata difficile con un pallone solo da condividere anche con LeBron, perciò ci siamo concentrati su altro”.

Archiviata la destinazione Chicago ora c’è da capire dove andare e soprattutto sentire un terzo violino a supporto del duo:

“Quando è arrivato il momento di decidere, Miami era l’unica squadra con abbastanza soldi per prendere tre giocatori, mentre le altre arrivavano al massimo a due. Così abbiamo passato in rassegna gli altri free agent per trovare ‘il terzo’. Abbiamo pensato ad Amar’e [Stoudemire], ma saremmo stati tre ‘alpha’ e gli ego sarebbero andati in collisione. Chris Bosh, invece, era il complemento perfetto sia dal punto di vista della personalità che da quello tecnico, punendo tutte le attenzioni che io e Bron avremmo attratto. A quel punto Miami è diventata la scelta più logica”

Di lì in poi è solo storia.

 

LEGGI ANCHE:

NBA, I Cleveland Cavaliers contattano Ettore Messina

I dieci hobby che non ti aspetti dalle star NBA

I dieci giocatori NBA più scambiati di sempre

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Chicago Bulls