Seguici su

Denver Nuggets

NBA Playoff, Spurs in vantaggio nella serie con Denver: le dichiarazioni post Gara 3

Spurs guidati da un Derrick White dominante in attacco e in difesa

I San Antonio Spurs, al debutto casalingo nei Playoff 2019, hanno preso le redini della serie di primo turno contro i Denver Nuggets cogliendo un successo cruciale.

Serata di grazia per Derrick White, autore di 36 punti. Una prestazione tale da lasciare senza parole Gregg Popovich:

“È ok. Devo rispondere a questa domanda? Eri presente alla partita, giusto? Ovviamente è stato spettacolare sui due lati del campo, non so cos’altro dire.”

Il diretto interessato ha commentato così la propria gara:

“Ho cercato di essere aggressivo per finire forte al ferro e fare le scelte giuste. La gente dice che non ho esperienza nei Playoff ma li ho giocati in G League  – sto scherzando. Mi è servito per lo sviluppo. Non do nulla per scontato e gioco sempre con la proverbiale scimmia sulla spalla.”

I Nuggets non sono stati in grado di arginare in alcun modo il #4 in maglia Spurs ma sono diversi gli aspetti su cui coach Mike Malone dovrà lavorare per poter provare a pareggiare i conti.  Di seguito le  dichiarazioni del capo allenatore di Denver in conferenza stampa:

“Non siamo riusciti a fermare [Derrick White]. È sceso in campo come se non avesse mangiato negli ultimi due giorni e ha mandato un messaggio forte e chiaro. Ha dominato la partita: 36 punti, 15-21 al tiro.  Gli avversari hanno segnato 62 punti in pitturato.  […] Lui è stato impressionante, ha attaccato sin dall’inizio e ha fatto ciò che ha voluto. Grande prestazione per un giocatore così giovane. Abbiamo tirato bene ma siamo stati presi a calci in c**o perché non siamo stati in grado di marcare nessuno. Non si può andare in trasferta e concedere 62 punti in pitturato, 22 punti da palla persa, e 18 punti da secondo tentativo. […] Il punteggio non è indicativo, è stata una partita da 20 punti di scarto. I giocatori in uscita dalla panchina hanno tirato bene, i titolari hanno fatto più fatica e non sono mai risuciti a generare un qualche ritmo in attacco. […] Per me la questione è semplice: in stagione regolare siamo stati una delle migliori squadre NBA in attacco e in queste tre partite non abbiamo mai vinto la battaglia [sotto i tabelloni].”

AGGIUSTAMENTI

Il coaching staff valuterà possibili variazioni a livello di rotazione:

“Se ci sarà bisogno di far entare in partita alcuni ragazzi più rapidamente lo farò. Allenare non è mai un fatto personale ed è un mio dovere trovare il quintetto che ci può aiutare a vincere Gara 4. Siamo l’ottava squadra più giovane ad aver fatto i Playoff nella storia NBA. Non mi piace trovare scuse ma è la realtà, non me lo sto inventando. La prossima partita ci dirà davvero chi siamo.”

Nikola Jokic non è sorpreso dal rendimento della second-unit:

“A essere onesto la nostra panchina gioca così il più delle volte. Sono davvero fenomenali. Nei Playoff ogni partita è una must-win e non ci si può rilassare. Per me si tratta sempre di pallacanestro con l’unica differenza a livelllo di intensità.”

 

Leggi anche:

NBA Playoff, Sixers avanti 2-1 sui Nets: reazioni e commenti post Gara 3

Mercato NBA, Dwight Howard accetta l’opzione per il prossimo anno con Washington

NBA, Nowitzki rivela il suo futuro dopo il ritiro

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Denver Nuggets